Lunedì, 24 Ottobre 2016 17:17

Roma Film Fest. Riflessioni sull’era “mondana”

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA (nostro inviato) Si è conclusa domenica 23 dicembre la Festa del Cinema di Roma, lasciando, in accreditati e non, la sensazione di aver attraversato un evento di nutrimento ludico, destinato a un pubblico di spettatori in carne ed ossa, senza distinzione di genere e di età, con film godibili dall’inizio alla fine.

Particolare non secondario perché, chi da lungo tempo frequenta queste manifestazioni, sa che spesso può accadere - ad esempio alla mostra di Venezia – che una sala si svuoti prima che la proiezione abbia termine. Parliamo di fuga degli addetti ai lavori, figuriamoci uno spettatore medio. Paradossalmente a Roma, in una rassegna dove i premi non sono la cosa più importante, le opere, di alto livello professionale, sono quasi tutte coinvolgenti. 

A Roma si è visto “Snowden” l’ultimo lavoro di Oliver Stone, The Birth of a Nation di Nate Parker, Manchester by the sea di Kenneth Lonergan, Florence Foster Jenkins di Stephen Frears, regista del bellissimo “Philomena” che a Venezia non vinse perché considerato “popolare”, quasi fosse un demerito, mentre molti autori entrati nella storia del cinema hanno questo tocco.  Viene il sospetto che tra gli intellettuali ci sia la necessità di marcare la differenza con linguaggi astrusi, soprattutto se non si ha il talento di essere chiari. Semplicità che fa parte della creazione artistica: Lav Diaz, Leone D’Oro 2016, è piaciuto agli adolescenti per la narrazione agevole, pur con le sue quattro ore di film.

I premi assegnati alla Festa del Cinema di Roma sono di “Alice nella Città“, una sezione autonoma “dedicata alle giovani generazioni e alle famiglie”, una giuria di giovanissimi ha scelto “Kicks” di Justin Tipping, storia di un quindicenne che deve lottare per riconquistare un paio di scarpe firmate; motivandolo con la capacità di evidenziare la vacuità della violenza.  Alice nella città ha assegnato il Taodue Camera d’oro a “Little Wing”, storia di una dodicenne alla ricerca del padre che non ha conosciuto. Ardue scelte per il generale alto livello. Belli anche i film del concorso ufficiale, pur se il più votato dal pubblico è stato Captain Fantastic di Matt Ross.

Molto si è detto sulla mancanza di star alla festa di Roma. Ma sono passati di lì, tra gli altri, Tom Hanks, Oliver Stone, Viggo Mortensen, Meryl Streep, Bernardo Bertolucci, Juliette Binoche, Ralph Fiennes, Kristin Scott Thomas, Jovanotti, Paolo Conte e Michael Bublè, Michele Placido, Renzo Arbore, scrittori come Don De Lillo, architetti quali Daniel Libeskind, artisti poliedrici come Gilbert & George. Chiusura in bellezza con Roberto Benigni che, dopo esser stato a cena da Obama, ha incontrato il pubblico all’auditorium.

Una festa riuscita grazie ad Antonio Monda che, essendo in carica da due anni, ha superato se stesso realizzando un +18% di spettatori rispetto a dodici mesi fa. Merito del nuovo corso “mondano”, dunque, che con intelligenza ha abbandonato i trofei delle anteprime mondiali per raccogliere il meglio degli altri Festival. Roma è un evento cinematografico necessario perché tiene nel debito conto la platea.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

L'angolo dei classici

Cinema: “Interstellar”, l’amore oltre il tempo e lo spazio

Il film di Christopher Nolan è uno dei classici della fantascienza per l’accuratezza degli effetti speciali, la descrizione di tematiche complesse sui buchi neri e per l’aspetto emotivo della storia

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Opinioni

La Grecia e la sua ammissione tardiva al QE. Due soluzioni possibili

Cominciamo con una precisazione estremamente importante. Il recente annuncio di Mario Draghi riguarda la fine del Quantitative easing da parte della BCE entro la fine di quest’anno. La BCE quindi...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Non solo coaching: Quando guardi ad una situazione a cosa osservi?

Tutti ci siamo trovati in una situazione in cui tutto sembra prendere una direzione chiara a noi stessi, o ad avere una spiegazione per noi logica e ben delineata. In...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077