Venerdì, 26 Ottobre 2018 12:34

Festa Cinema Roma. “Corleone”: documentario intorno a Salvatore Riina, duce di una mattanza.

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

ROMA – L’impressionante documentario sulla mafia in due parti – la prima titola “Il potere e il sangue”, la seconda “la caduta” – di Mosco Levi Boucault, ha obbligato il regista ungherese a vivere sotto copertura. Ciò basti alla comprensione di una follia che basa il suo valore sulla violenza. 

Una tragedia di oggi davvero shakespeariana che pone al centro Salvatore Riina, figlio di un contadino che a tredici anni vide morire padre e fratello, a diciannove uccise il primo essere umano, a 26 anni si affiliò a Cosa Nostra, a 42 – dopo centinaia di morti in guerre di mafia – divenne il capo assoluto dell’organizzazione criminale. Altro protagonista Tommaso Buscetta, perdente della cupola mafiosa, desideroso di vendicare i suoi morti ammazzati da Riina: due figli, il fratello, il nipote, il genero. E poi due autentici eroi Giovanni Falcone e Paolo Borsellino.

 Sappiamo come non sia finzione e ci chiediamo perché tutto questo succeda. Il film di Levi Boucaul risponde al quesito perché, per la prima volta, sono i mafiosi pentiti a raccontarsi al pubblico, a spiegare la cultura secondo la quale la mafia pensa e agisce. Per la prima volta sullo schermo appare Giovanni Brusca, completamente coperto in volto, che non avrebbe accettato di parlare se Levi Boucault non fosse egli stesso sotto copertura.  Un’opera costata al regista anni e anni di lavoro, durante i quali ha vissuto in Sicilia.

Salvatore Riina era considerato secondo Brusca “dio in terra”, l’incarnazione dell’onore che fa grande un uomo. Attraverso la testimonianza di ex mafiosi come Gaspare Mutolo, Giuseppe Marchese, Gaetano Grado e uomini che si schierarono dalla parte opposta quali Giuseppe Ayala, Francesco Accordino, Giovanni Anania, Letizia Battaglia,  Il film invita lo spettatore alla comprensione profonda di quello che la mafia è. Nei fatti se ne esce con la sensazione che, come sosteneva Danilo Dolci che alla lotta contro la mafia ha dedicato la vita, sia un fenomeno che attecchisce in un ambiente favorevole e può essere combattuto con l’educazione e la cultura. Ma quanto è davvero in grado la politica oggi di dedicare a questi antidoti le sue energie? A evitare il sacrificio di nuovi Falcone e Borsellino?

Regia di  Mosco Levi Boucault. Un film Genere Drammatico - Francia, 2018, durata 151 minuti

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

L'angolo dei classici

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]