Sabato, 19 Ottobre 2019 14:39

Festa Cinema Roma 14. “Gruppo di famiglia in un interno”, da non perdere Luchino Visconti

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Luchino Visconti diresse questo film, il suo penultimo, nel 1974, l’anno dopo aver girato Ludwig e due anni  prima di chiudere la sua produzione con  L’innocente:  sarebbe morto nel 1976. La Festa del Cinema di Roma rende omaggio al grande regista riproponendo uno dei suoi migliori film in un’accurata versione restaurata dal Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale. 

Ne è protagonista un magistrale Burt Lancaster nei panni di un anziano professore che vive di ricordi in una grande casa piena di libri e di quadri dove in perfetta solitudine aspetta apparentemente sereno la fine di un’esistenza vissuta con profondo distacco dal mondo. Ma un giorno il mondo che più detesta, quello moderno, volgare, della borghesia arricchita gli piomba in casa quando si fa convincere da una donna arrogante ad affittarle l’appartamento al  piano di sopra da destinare alla figlia, al di lei fidanzato ma soprattutto al proprio amante. 

Vengono a confronto due mondi opposti, in stridenti contrasti che offrono a Visconti l’occasione per uno splendido autoritratto nel personaggio del professore  e, nel finale, amare considerazioni su un mondo che muore mentre se ne annuncia un altro del tutto diverso e certamente non migliore. Quasi un film-testamento.

Regia: Luchino Visconti
Interpreti: Burt Lancaster, Silvana Mangano, Helmut Berger, Claudia Marsani, Stefano Patrizi, Claudia Cardinale, Dominique Sanda, Romolo Valli

Durata: 125

Origine: Italia/Francia, 1974
Genere: Drammatico

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

L'angolo dei classici

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]