Domenica, 06 Novembre 2011 12:13

RomaFilmFestival. “Voyez comme il dansent”: Gran Premio della Giuria. Recensione

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

ROMA - “Voyez comme ils dansent”, vincitore del Gran Premio della giuria al Festival del Cinema di Roma, è la storia di un intreccio amoroso  e delle passioni distruttive che sono fascino e condanna degli artisti in particolare, a causa del loro temperamento esibizionista e insoddisfatto. 

Vic, un attore di fama, figlio di un intellettuale che dice la sua in TV, con il quale ha un pessimo rapporto,  è incapace di vivere con soddisfazione il proprio successo perché non si considera persona di valore.  Elegante, irriverente, tragicomico, Vic vola sul palcoscenico come danzasse: coreografia travolgente che è  espressione di un malessere interiore.
Ne paga le conseguenze la moglie  Lise, giovane cineasta francese che,  abbandonata,  cerca di dimenticare l’amore interrotto senza preavviso, attraversando in treno il Canada e girando nel viaggio un  documentario. Fermatasi in uno sperduto e innevato paesino Lise segue le tracce di una spiegazione alla sua disgrazia affettiva e incontra Alex, medico e ultima amante di Vic, interpretata da una Maya Sansa con lunghi capelli neri, al meglio della sua forma fisica sullo schermo… Ha inizio così il vero percorso di scoperta, quello di due donne  legate da uno stesso amore, alla ricerca di risposte e chiarimenti.


“Voyez comme ils dancent” (Guardate come danzano) è un’indagine su un uomo in preda alla depressione, oscillazioni emotive, crisi di panico, euforia,  umore nero,  che  l’amore più intenso non cura e nemmeno un lavoro creativo. La storia non storia di Vic, è anche danza della vita, dei suoi drammatici, insospettati risvolti, dell’ombra e della luce che ci portiamo dentro, suscita domande senza risposta attraverso un viaggio che ha per scenografia un paesaggio puro come l’anima, anche quella più torbida e ferita.

Scheda
Voyez comme ils dansent è un film a colori di genere drammatico della durata di 99 min. diretto da Claude Miller e interpretato da Marina Hands, James Thierrée, Maya Sansa, Yves Jacques, Anne-Marie Cadieux, Aubert Pallascio, Normand D'Amour, Stuart Mylow Jr., Benoît Brière, Linda Smith.
Prodotto nel 2011 in Francia - uscita originale: 03 agosto 2011 (Francia)

 

 

Last modified on Venerdì, 11 Novembre 2011 10:18
Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Verso l'eternità

Prigionieri nei limiti del tempo  accettiamo la vita  con l’angoscia  che tutto è temporale  non eterno. 

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

unnamed.png

L'angolo dei classici

Opinioni

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contr…

Dalla Casa di Cura Giovanni XXIII Monastier di Treviso l’innovazione per contrastare il Covid-19

Nei laboratori arrivano nuovi strumenti per il controllo e il monitoraggio del Coronavirus 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

L’estinzione della specie (con un pizzico di ottimismo)

“Ma forse sono io che faccio parte di una razza, in estinzione.” (G. Gaber) 

Alessio Pracanica - avatar Alessio Pracanica

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]