ROMA - Ma il ministro  Giuliano Poletti in che paese è vissuto? Dice che “la concertazione è stato solo un modo per stare attorno a un grande tavolo facendo pagare il conto agli italiani”. Non la pensava così quando era un dirigente al massimo livello, quello di presidente di Legacoop. Forse i tavoli cui ha partecipato non erano quelli della concertazione così come era nata, ma quelli organizzati da Berlusconi e da ministri come Sacconi e Brunetta.

Published in Il punto

 

ROMA - Il Consiglio d'Europa valuta positivamente i miglioramenti della situazione nelle carceri italiane e rinvia al giugno 2015 un'ulteriore valutazione sull'attuazione delle misure decise dal governo per affrontare il problema del sovraffollamento. 

Published in Società

“Superare ingiustizia. Efficienza e qualità si fanno insieme ai lavoratori”

Published in Lavoro

ROMA -  E’ con grande soddisfazione che apprendiamo l’intenzione del Ministro Lorenzin di firmare a brevissimo il Piano Nazionale delle Malattie Rare.

Published in Società

ROMA - Di Dario – “colui che possiede il bene”, in antico persiano- è rimasta soprattutto la trasformazione di Persepoli, diventata grazie a lui straordinaria città d’arte. Dario I° di Persia, detto il Grande: da allora questo nome, Dario, si carica di un significato particolare.

Published in Arti visive

A conti fatti mancherebbe all’appello un miliardo di Euro. Sorrentino (Cgil): “Serve un intervento urgente”. Il sindacato chiede anche di rifinanziare i contratti di solidarietà

Published in Lavoro

PARIGI – Nuovi guai per Jerome Cahuzac. Secondo quanto trapela dalla Rtl, l'ex ministro del budget del Governo di Ayrault, potrebbe esser oggetto di un altro capitolo di inchiesta. Dopo esser stato incriminato per frode fiscale per aver nascosto prima in Svizzera e poi a Singapore circa 600 mila euro su un conto corrente, Cahuzac potrebbe esser multato per 30 mila euro.

Published in Mondo

Mentre entra in vigore il nuovo decreto la rivista Nature pubblica un articolo che dimostra chiaramente i limiti delle decisioni del Ministro

Published in Società

ASSISI (nostro inviato) Dopo l’incontro con Gina Lollobrigida  il dibattito moderato da Marco Spagnoli ha chiuso la sezione collaterale del XXXI Primo Piano sull’Autore, intitolata  “Dove va il cinema italiano? Oltre la commedia, le nuove proposte”, che ha visto la proiezione gratuita di pellicole di successo, realizzate nell’ultima stagione.

Si è discusso sul ruolo del nostro nuovo cinema nel sistema produttivo, sulla possibilità, attraverso i generi, di una diversificazione dell’offerta che incoraggi la ripresa dell’industria. Gli interventi focalizzati soprattutto sulle difficoltà generate dalla congiuntura: tagli ai fondi pubblici, la presenza sempre più ingombrante della pirateria informatica, la crisi delle sale, quella vocazionale degli autori e -  tasto più volte ribadito -  l’inadeguatezza di una legislazione che fa fatica a proteggere la produzione nazionale. Queste le indicazioni sulle principali cause della crisi del cinema italiano individuate dai protagonisti riuniti ad Assisi. Veri e propri appunti per il prossimo Ministro della Cultura.

Ecco in sintesi alcuni degli interventi:

Emiliano Corapi (regista del noir Sulla strada di casa) ha raccontato delle difficoltà incontrate per realizzare la sua opera: “I grandi produttori italiani non sono interessati ad un film che non sia una commedia.”

 Il regista Claudio Sestieri ha invece puntato il dito sull’inadeguatezza legislativa e la crisi delle sale: “avevamo riposto molte speranze nella nuova legge sul cinema, copiata da quella francese che è all’avanguardia e che prevede che anche i provider di internet contribuiscano al finanziamento del cinema. Ma questa proposta giace da tempo nei cassetti della Camera. Altro problema è che le sale stanno morendo ed anche producendo più film, questi non avranno sbocchi. E se i negozi non ci sono la merce non si vende.”

Aureliano Madei (20 sigarette) ha indicato alcune idee per rilanciare la cultura del cinema fra il pubblico: “Le sale potrebbero incentivare il biglietto per far fruire agli utenti una intera giornata di cinema, e bisognerebbe avere più coraggio per creare un circuito produttivo alternativo anche per i generi”.

Il giornalista Antonello Sarno ha sottolineato il fatto che i grandi autori italiani non si sono schierati apertamente contro la pirateria informatica.

Il regista Massimo Guglielmi sottolinea che la crisi è di tutta la società: “La gente fa fatica ad arrivare a fine mese e questo Paese ha disinvestito dal settore culturale. Dobbiamo chiederci se sia ancora giusto fare questo cinema, visto che non abbiamo più le energie economiche ed intellettuali per raccontare quello che ci sta accadendo intorno”.

Published in Cinema & Teatro

DAMASCO- Il primo ministro siriano Hijab, fuggito in Giordania, denuncia che "in Siria si sta consumando un genocidio collettivo".

Published in Mondo

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

L'angolo dei classici

Opinioni

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo d…

Coronavirus. ArpaLazio e L’Università di Tor Vergata sperimentano un metodo di prova per valutare l’efficacia delle mascherine chirurgiche

Dai laboratori la sperimentazione di un metodo di prova per valutare in maniera fisica l’efficacia e contrastare l’emergenza 

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]