BELFAST – Ventisei poliziotti feriti, numerose automobili incendiate e negozi parzialmente distrutti. E' il bilancio degli scontri che hanno scosso Belfast, in Irlanda del Nord, nella giornata di ieri. Il tutto è avvenuto durante la parata di commemorazione dell'introduzione dell'Internement Law: la legge emanata nel 1971 che in un periodo di maggior violenza politica permetteva di trattenere a tempo determinato i sospettati di legami col terrorismo.

Protagonisti i loyalist e i repubblicani, i primi animati dal fervore di annessione all'Inghilterra, i secondi più vicini all'Irlanda. Una divisione che si riflette anche nelle rispettive fedi religiose: cattolica e protestante.

Secondo quanto riporta la polizia la scintilla sarebbe scoppiata all'ingresso della parata nella zona della Royal Avenue, una delle zone commerciali nel centro della capoluogo nord irlandese. Ma gli scontri si sarebbero protratti prima al nord e poi ad ovest. Mattoni, materiale esplosivo e bottiglie provenienti dalle forze loyaliste sarebbero state lanciate contro i 100 agenti a seguito della parata repubblicana.

Cannoni d'acqua e cariche con bastoni di gomma la risposta delle forze dell'ordine, accusata da alcune frange dei manifestanti di aver avuto “la mano pesante”. Ma la polizia ha rimarcato il concetto della legittimità del loro operato, attivato in risposta ad azioni con “l'intento di creare disordine”.

I disordini durante quella che è stata la parata autorizzata e perfettamente in regola con i permessi concessi dalla “Parade Commission” rappresenta un “deciso passo indietro rispetto ai successi ottenuti durante il G8” è stato il commento della conservatrice Theresa Villers, la segretaria di stato del Nord Irlanda. Danni che potrebbero riflettersi anche sul turismo: questo tipo di eventi, infatti, potenzialmente hanno la “possibilità di minare l'economia locale e la reputazione di Belfast come destinazione turistica” ha tuonato la Villers. Soprattutto perché, di fatto, i disordini di ieri rappresentano una rottura di un relativo periodo di quiete tra le due fazioni. Almeno dal punto di vista “armato”.

Published in Mondo

IL CAIRO – Due morti e almeno 18 feriti. E' questo il bilancio del tutto provvisorio diramato dai ministero

Published in Mondo

SOFIA - Scontri in Bulgaria stanotte davanti al Parlamento dove circa venti persone, tra cui tre poliziotti, sono state ferite stanotte. Il parlamento è stato  assediato da circa 2000 manifestanti, mentre la polizia tentava di far uscire deputati e ministri che si trovavano all'interno.

Published in Mondo

IL CAIRO – Sette morti e 261 feriti è il bilancio della notte di scontri di lunedì notte tra i sostenitori di Morsi e le forze di sicurezza egiziane. Questo è quanto divulgato dal capo dei servizi di emergenza Mohamed Sultan.

Published in Mondo

BARCELLONA – “Quello che è successo a me potrebbe accadere a tutti . Ai vostri figli, a tua madre, al vostro partner. Quando sono stata colpita non c'era nessun disordine pubblico, né la folla da controllare”.

Published in Mondo

IL CAIRO  - Almeno 37 persone sono morte e oltre un migliaio sono rimaste ferite nelle ultime 24 ore nelle violenze scoppiate in Egitto fra sostenitori ed oppositori del deposto presidente Moahmmed Morsi; nella penisola del Sinai gli estremisti islamici hanno preso di mira esercito e polizia, uccidendo cinque agenti e un militare, oltre ad un sacerdote copto.

Published in Mondo

IL CAIRO - L'Egitto volta pagina.  Il presidente egiziano Mohamed Morsi, esautorato dall'esercito da ieri, è stato trasferito all'alba di oggi al ministero della Difesa, mentre tutto il suo staff resta agli arresti in un edificio militare. Intanto, violenti scontri hanno avuto luogo nella notte in alcune delle principali città del paese: secondo l'ultimo bilancio ufficiale, almeno dieci persone sono morte.

Published in Mondo

Aria di Golpe, manifestanti in agitazione. Gli esperti: "Morsi delegittimato dall'esercito"

Published in Mondo

ANKARA - Gli agenti antisommossa turchi sono tornati a lanciare gas lacrimogeni e ad utilizzare gli idranti contro i manifestanti anti-Erdogan, tornati in piazza ieri sera ad Ankara. L'intervento della polizia per diperdere circa 2.000 contestatori è scattato nella notte, nel quartiere di Dimken, dove dall'inizio delle proteste in Turchia si sono avuti frequenti scontri tra manifestanti e forze dell'ordine.

Published in Mondo

LIVORNO – Daniele Stefanini è stato liberato. Sospiro di sollievo per il fotoreporter free lance italiano picchiato e fermato dalle forze di polizia turche durante gli scontri di domenica scorsa a Istanbul. E' quanto riferisce la sorella del 29enne fotografo livornese Alessia, che ha riferito di aver ricevuto una telefonata da parte del fratello la notte scorsa. Verso le 1,30. Conferme sul rilascio vengono diffuse anche dalla Farnesina.

Published in Mondo

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Dio è donna

Divinità era donna! Un tuffo nel mito della Grande Madre tra l’immaginario e il reale. L’universo femminile un viaggio alla scoperta dell’altra metà di Dio. C’è stato un mondo diverso dove si venerava la Dea. Ritroviamo la scintilla della divinità...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

L'angolo dei classici

Opinioni

L’artista dei musei

Enrico Meneghelli, The Picture Gallery in the Old Museum, 1879 (Museum of Fine Arts, Boston)  Nato nel 1853, italiano d’origine, Enrico Meneghelli emigrò negli Stati Uniti facendo di Boston e New...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Farmaceutica. La filosofia “Lean transformation” è realtà

ITC Farma investe 5 milioni per una produzione di qualità   L’azienda farmaceutica pontina, leader a livello nazionale nel contract manufacturing, ha deciso di investire nel corso del 2020, altri 5...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]