Mercoledì, 15 Marzo 2017 20:32

Teatro Parioli. Il Balletto di Milano in “Romeo e Giulietta”

Scritto da

ROMA - Al Teatro Parioli Peppino De Filippo, dal 17 al 19  marzo, Romeo e Giulietta con il Balletto di Milano, liberamente ispirato alla tragedia di William Shakespeare, balletto in 2 atti su musica di P.I. Čajkovskij, coreografie e Costumi Federico Veratti, scenografie Marco Pesta, regia Federico Veratti.

La più grande storia d’amore in una nuova e straordinaria produzione fedele alla storia del Balletto di Milano. Porta la sua danza in prestigiosissimi teatri nel mondo, emozionando ogni anno decine di migliaia di spettatori e tornerà a grande richiesta anche al Teatro Parioli di Roma. Parliamo del Balletto di Milano, realtà diretta da Carlo Pesta e tra le più interessanti della danza italiana, che da veberdì 17 a domenica 19 marzo rappresenterà la sua esclusiva produzione di Romeo e Giulietta, balletto liberamente ispirato alla tragedia di W. Shakespeare e realizzato sulle stupende musiche di P. I. Tchaikovksy.

STAGIONE 2016/2017

TEATRO PARIOLI PEPPINO DE FILIPPO

da venerdi 17 a domenica 19 marzo  2017

 

BALLETTO DI MILANO

presenta

ROMEO E GIULIETTA

liberamente ispirato alla tragedia di William Shakespeare

Balletto in 2 atti su musica di P.I. Čajkovskij

Coreografie e Costumi Federico Veratti

Scenografie Marco Pesta

Regia Federico Veratti

Orario Spettacoli:

venerdi 17 marzo ore 21

sabato 18 marzo ore 17 e ore 21

domenica 19 marzo ore 17

 

INGRESSO:

Platea € 27,00

Galleria € 22,00

Teatro Parioli Peppino De Filippo 

Via Giosuè Borsi 20, 00197 – Roma

tel. 06 8073040

www.parioliteatro.it

 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Il nuovo Rinascimento parte dalla Scienza

ROMA - “La scienza ha consentito di superare la crisi del periodo post bellico, promuovendo con le sue ricerche lo sviluppo industriale. L’Italia in dieci anni è passata da Paese...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Coaching: cosa è e a chi è utile

Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti. ( Whitmore, 2006 ) 

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077