ROMA FICTION FEST
Iva Palmieri

Iva Palmieri

MILANO - (nostro corrispondente) Quest'anno il Milano Film Festival, arrivato alla sua diciassettesima edizione, ha deciso di dedicare gran parte della sua sezione Outsiders a dei veri fuoriclasse.

ROMA - Scrittore, regista, attore, musicista. In oltre 40 anni di carriera Woody Allen è diventato un'icona del cinema, amato quasi più in Europa che oltreoceano. Ci sono voluti anni di corteggiamento per convincerlo ma, questa volta, ha lasciato che fosse la sua vita a stare davanti alla macchina da presa, in un documentario realizzato dal filmmaker Robert Weide e presentato l'anno scorso a Cannes.

VENEZIA (nostro corrispondente) - Girato a Napoli con due giovanissimi attori esordienti, L'intervallo segna l'esordio al lungometraggio di finzione del documentarista Leonardo Di Costanzo.

ROMA - Dopo la calorosa accoglienza ricevuta l'anno scorso durante la 68° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, “Eva” arriva anche nelle sale italiane.

Giovani e innamorati, Barbara e Nicolas decidono in un momento di passione di avere un figlio: ma l'evento sconvolgerà la loro vita affettiva, sessuale e familiare. E quando nasce la piccola Lea tutto cambierà per sempre.

Nonostante quello che sembra suggerire il titolo italiano, “Travolti dalla cicogna” è molto più di una commedia romantica e divertente: tratto dal romanzo “Lieto evento” di Eliette Abecassiss, il film è un ritratto sincero e senza tabù della gravidanza, che mette in scena gioie e dolori della maternità. Anzi, dell'essere mamme vuole raccontare soprattutto l'effetto di devastante cambiamento. E ci riesce, anche se non rinuncia a qualche esagerazione e a una buona dose di stereotipi. C'è la madre apprensiva, la suocera invadente, il compagno-bambino troppo infantile per assumersi le responsabilità della nuova “situazione”.

Ma “Un hereux evenement” – Travolti dalla cicogna in italiano - vuole mettere l'accento sul dramma solitario di Barbara, alle prese con le repentine e a tratti insostenibili metamorfosi che comporta il diventare madre. Diretto dal regista francese Remi Bezançon, il film ha riscosso un buon successo di pubblico, ed era già stato accolto con entusiasmo al Toronto Film Festival nel 2011. In più, la pellicola si inserisce in quel filone sulla maternità che nell'ultimo periodo il mondo del cinema sembra avere la necessità di esplorare, dopo “La guerra è dichiarata” di Valerie Donzelli e “Cosa aspettarsi quando si aspetta”, tratto dal celebre best seller d'oltreoceano. Da noi il film non sarà certo favorito dalla data d'uscita nelle sale e dal periodo estivo, che coincide con il tradizionale periodo di magra per il box office. Non è consigliato a future mamme facilmente impressionabili e agli uomini restii alla paternità, ma, se in questi giorni siete indecisi tra vampiri e streghe per una serata al cinema,“Travolti dalla cicogna” potrebbe essere una piacevole alternativa.

USCITA CINEMA: 27/07/2012
GENERE: Commedia
REGIA: Rémi Bezançon
SCENEGGIATURA: Rémi Bezançon
ATTORI:
Louise Bourgoin, Pio Marmaï, Josiane Balasko, Thierry Frémont, Gabrielle Lazure, Firmine Richard, Anaïs Croze, Daphné Bürki, Lannick Gautry, Gérard Lubin, Nicole Valberg


FOTOGRAFIA: Antoine Monod
MONTAGGIO: Sophie Reine
DISTRIBUZIONE: Videa-Cde
PAESE: Francia 2011
FORMATO: Colore

 

Travolti dalla cicogna – trailer

 

http://www.youtube.com/watch?v=zXxE3pskC0o

ROMA - Premiato al festival di Locarno 2011 e in concorso a quasi 40 festival internazionali, “L'estate di Giacomo” ha finalmente trovato nella Tucker Film il distributore di cui aveva bisogno per uscire nelle sale italiane.

ROMA - Le vite ordinarie e apparentemente perfette di tre sorelle vengono sconvolte dall’arrivo di Ned, il fratello appena uscito di prigione per aver venduto erba a un poliziotto. Sì, avete capito bene. Paul Rudd è il protagonista di “Quell’idiota di nostro fratello” (non a caso), un hippy un po’ fuori di testa, che con la sua ingenuità finirà per smascherare segreti, ipocrisie e vezzi della routine delle tre donne.

ROMA - In fuga dagli Stati Uniti dopo una rapina (travestito da clown), Driver finisce dritto dalla padella alla brace: attraversato “per sbaglio” il confine messicano viene preso in custodia dalla polizia locale, avida e corrotta, che si intasca il suo milionario bottino e lo spedisce a El Pueblito, un carcere di massima sicurezza, in cui col denaro si compra tutto tranne la libertà.

ROMA - Pescare salmoni negli aridi altipiani dello Yemen. È il sogno di un eccentrico sceicco yemenita, disposto a tutto per farlo diventare realtà.

MILANO - Afghanistan: l’inviata di guerra Elsa Canova viene presa in ostaggio da un gruppo di talebani. Una situazione a cui negli ultimi anni ci siamo tristemente abituati.

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

L'angolo dei classici

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: mediasurf[email protected]