ROMA FICTION FEST

 

 

ROMA - Una platea entusiasta è stata quella di ieri sera all’Auditorium Conciliazione di Roma per il Film –Concerto “Tristano e Isotta –Eros e Thanatos – Una fiamma senza tempo”.

Published in Cinema & Teatro

 

ROMA - “L’orchestra è un mondo. Ognuno contribuisce con il proprio talento. Per il tempo di un concerto siamo tutti uniti e suoniamo insieme, nella speranza di arrivare all’armonia”. Questa la filosofia che anima il nuovo spettacolo della Compagnia Superdiverso, composta da attori e danzatori abili e diversamente abili e diretta dalla regista Luciana Lusso. 21 attori che oltre un’ora andranno in scena dal 10 al 12 giugno 2014 prossimo al Teatro Quarticciolo di Roma con lo spettacolo “Il Concerto”, molto liberamente ispirato a “Le Concert” di Radu Mihaileanu. L’opera è realizzata nell’ambito del progetto “Il Superdiverso”, sostenuto da Roma Capitale, Dipartimento Politiche Sociali e Salute, e vedrà in scena gli attori e danzatori  della compagnia integrata Superdiverso, ormai al loro 12esimo anno di attività. L'ingresso è libero su prenotazione. 

Luciana Lusso spiega il senso di questo nuovo spettacolo e della scelta de "le Concert". Questa storia parla di noi e noi ci riconosciamo in essa. Perché la vera protagonista è un’ “orchestra”, ovvero una compagnia riguarda persone che hanno scelto un contesto lavorativo dedicato alla rappresentazione e all’esecuzione artistica. Il testo è poi è particolarmente adattato alla trasposizione teatrale, sebbene utilizzando un linguaggio multimediale.  La multiculturalità insita nella storia, infine, parla di integrazione, la stessa dimensione in cui noi lavoriamo da anni.

Avete scelto di ambientarlo tra Italia e Albania, a differenza del film, perché?

Il nostro Paese è da anni per ragioni geografiche approdo di persone costrette a lasciare la terra di origine, le radici, gli affetti nella speranza di una vita migliore, o semplicemente dignitosa. Il loro grido non è altro che l’affermazione del diritto, sacrosanto, di esistere. L’Albania è un luogo vicino, ci separa un tratto di mare che si può trasvolare in quattro minuti, la fisicità degli albanesi è molto simile a quella di tanti italiani. Lo sguardo no, lo sguardo di quelle persone, protagoniste dell’esodo del 1991, anno in cui inizia la nostra storia, è invece simile a quello che vediamo ormai con una certa indifferenza in televisione,  nei volti delle moltitudini di persone che sopravvivono alle traversate sui barconi. E’ lo sguardo di chi è cresciuto in uno dei tanti Paesi dove ancora non esiste la democrazia. Dunque l’ambientazione Roma-Tirana potrebbe aiutare gli interpreti e il pubblico a sentire questa storia più familiare. La passione per l’arte, (la musica in questo caso) riuscirà a spostare una improbabile orchestra nel luogo designato al “fare” arte e raggiungere insieme l’armonia : il Teatro. Non solo quindi un esodo della disperazione, ma l’esodo di un gruppo di prestigiosi musicisti che ritroveranno la gioia di suonare in un Paese libero. 

La musica, come il teatro, sono espressioni profondamente personali e sensibili dell'essere umano, eppure esprimo qualcosa che accomuna tutti noi. Cos'è che ci unisce da theran a Tirana, da Bombay a Roma?

Se si ripercorre la storia anche solo dell’ultimo conflitto mondiale si può scoprire che molti artisti sono stati salvati dalle persecuzioni razziali grazie alla loro arte; dai grandi direttori di orchestre sinfoniche a quelli di piccole compagnie teatrali che si sono battuti per la libertà di molte persone in nome dell’arte, ai grandi registi di cinema che riempivano di comparse le scene di massa e prolungavano le riprese per tempi improbabili. Questo accadeva indistintamente in tutta l’Europa devastata, in nome dell’arte, quella con la A maiuscola, che è un potente strumento di liberazione. 

Come lavora una compagnia di teatro integrato? Qual è la vostra ‘filosofia’ di lavoro?

Faccio una premessa: L’arte è il tentativo dell’artista di rendere universale la propria visione del mondo, è rivelazione e la sua espressione non dipende certo dal sesso, dal colore della pelle, dalla conformazione fisica, dalla presenza o assenza di DISABILITA’. A Roma ci sono centinaia di scuole, corsi,seminari di Danza,Teatro, Mimo. Molti normodotati li frequentano “perché fa fa bene alla salute”alcuni “per conoscere gente nuova”,almeno la metà perché ha la speranza di lavorare o già lavora nel mondo dello spettacolo. I disabili no. Di solito vengono spinti a studiare le arti dello spettacolo per fini esclusivamente terapeutici o di sostegno psicologico. Il disabile non studia danza, ma “Danceability”, non fa teatro, ma “teatro Integrato . Noi per primi usiamo questi termini per pubblicizzare le nostre attività.  Lo facciamo per motivi di comprensione, ma ci rendiamo conto che così facendo, pur in completa buonafede, si scava un solco profondo tra il mondo dei normali e quello dei diversi.  Il pubblico di uno spettacolo etichettato come “integrato” o “con la partecipazione di portatori di Handicap” ha l’idea di trovarsi alle prese con un prodotto di serie “B”.  E’ per questo che il ragazzo disabile, caduto rovinosamente,per sbaglio,sul palcoscenico,viene applaudito più della danzatrice normodotata alle prese con una difficilissima coreografia. Il pubblico di uno spettacolo integrato,più che la bravura o le capacità espressive, applaude ( non sempre, ma spesso)perché prova pietà! Noi non facciamo questo, noi facciamo Teatro, i nostri attori ‘lavorano’ seriamente, non fanno terapia e quando cadono si rialzano e proseguono lo spettacolo, senza applausi.

Cosa prevedete per il futuro della vostra compagnia integrata?

Il Progetto è iniziato nel 2002, Questo è il dodicesimo anno di ricerca e di esperienza. Il desiderio più grande sarebbe che le compagnie di teatro integrato fossero prese in considerazione, come già accade in Europa, in misura sempre maggiore e avessero le stesse opportunità che hanno le compagnie di teatro di inserimento e di circuitazione. Il cammino è lungo ma il viaggio è cominciato.

 

Published in Cinema & Teatro

ROMA - Sono dieci anni che è venuto a mancare uno dei più grandi protagonisti del nostro immaginario collettivo: attore, cantante, interprete, autore, regista, comico, interprete fra i più versatili di ogni linguaggio visivo e, soprattutto, uomo dalla profonda sensibilità e curiosità: Nino Manfredi.

Published in Televisione
Domenica, 08 Giugno 2014 11:44

Teatro Sala Umberto. La stagione 2014-2015

 

ROMA - Alessandro Longobardi, Direttore Artistico del Teatro Sala Umberto, ha presentato alla stampa la stagione teatrale 2014-2015, forte dei successi registrati nel corso della stagione appena conclusasi e che Longobardi ha sintetizzato con numeri eloquenti ed efficaci: 36 spettacoli (di cui 20 per le scuole), 317 repliche (di cui 48 matinées), 90.000 spettatori, di cui 16.000 bambini e ragazzi.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - E’ in scena in questi giorni al teatro Argentina la rassegna “Altri amori”, scenari di teatro omosessuale.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - Nel maggio del 1954 Simone de Beauvoir presentò a Gallimard, dove aveva un grande potere, il manoscritto di un'opera intitolata Ravages, cioè Devastazioni.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - “Sì, la vita è tutta un quiz, e noi giochiamo e rigiochiamo perché noi non ci arrendiamo fino a quando non vinciamo. Sì, la vita è tutta un quiz e se indovini quante emozioni perché è col quiz che ci danno i milioni, evviva le televisioni”. Chi non conosce questa canzone dal ritmo e dalle parole che difficilmente si levano dalla testa? Sigla di “Indietro Tutta!”, trasmissione popolarissima ed esilarante, in onda su Rai 2 alla fine degli anni ’80.

Published in Società

ROMA - Nella programmazione estiva del comune di Milazzo (ME) è apparsa una balena Rossa, The Red Whale, progetto di narrazione civile, produzione e promozione culturale, formazione teatrale e promozione di libri, immagini, video e gruppi attenti ai temi sociali. Si parte il 27, 28 e 29 giugno con Giulio Cavalli.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - Innanzitutto il coraggio. Quello di portare in scena, in un teatro come quello di Tor Bella Monaca che ci permettiamo di definire – affettuosamente – di frontiera, una delle commedie più amate di Shakespeare. Opera di facile approdo solo in apparenza, anzi dotata di una complessità che si scorge soltanto ad uno sguardo approfondito, che si comprende solo attraverso il cimento.

Published in Cinema & Teatro

ROMA - La scena si apre con un appartamento idealmente diviso in due: i colori delle pareti lasciano subito intuire qualcosa di anomalo; in realtà, capiremo ben presto che si tratta di due distinti appartamenti, però idealmente sovrapposti nella finzione scenica, ciascuno con i suoi protagonisti e le sue storie e le varie situazioni che si alternano e si sfiorano: unico elemento di distinzione, il panorama che si vede dalla finestra.  In effetti, uno dei due appartamenti si trova in Prati e l’altro all’Aurelio.

Published in Cinema & Teatro

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

L'angolo dei classici

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]