Sabato, 10 Settembre 2016 22:41

Venezia 73. Del Leone d’oro e di altre meraviglie

Scritto da

LIDO DI VENEZIA (nostro inviato) Al termine delle quasi quattro ore di proiezione di The Women who left (226 minuti per l'esattezza) ovvero 'Ang Babaeng Humayo'  del regista filippino Lav Diaz, uomo piccolo, mingherlino , con i capelli sale e pepe, appollaiato in Sala Grande con il suo cast somigliante a ciascuno di noi (nessuna star dalle forme perfette per intenderci) i giornalisti presenti,  dato gli applausi interminabili anche di molti adolescenti, avevano sentito che ogni previsione formulata sui Leoni del Lido non era più valida.

LIDO DI VENEZIA – L’Associazione Fiuggi Family Festival in collaborazione con Ente dello Spettacolo attribuisce il Premio Gianni Astrei – Venezia 2016 a Indivisibili di Edoardo De Angelis quale film italiano che, tra tutti quelli presentati alla 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, valorizza al meglio l'esperienza cinematografica intesa come arricchimento e ri-elaborazione della visione del mondo nel singolo e nella società.Il riconoscimento è intitolato a Gianni Astrei, medico pediatra fondatore del Festival cinematografico di Fiuggi oggi presieduto dal figlio Angelo e la moglie Antonella Bevere.

Sabato, 10 Settembre 2016 22:36

Venezia 73. Incetta di premi per “Orecchie”

Scritto da

LIDO DI VENEZIA - Incetta di premi alla Mostra del Cinema di Venezia per Orecchie, lungometraggio scritto e diretto da Alessandro Aronadio, presentato nella sezione Biennale College: il film, che ha raccolto un enorme successo di critica e pubblico, supportato da un notevole passaparola, ha vinto tre Premi collaterali ufficiali

LIDO DI VENEZIA -  Di seguito i premi collaterali assegnati ai film delle Giornate degli Autori 2016.

LIDO DI VENEZIA - La Mostra è agli sgoccioli, ancora per poco i Leoni d’oro e d‘argento sonnecchiano in attesa di salire alla ribalta della Sala Grande per essere abbracciati con trasporto dai premiati commossi. 

LIDO DI VENEZIA (nostro inviato)  Chi vincerà il Leone d’oro? In questa bella Mostra è in dirittura di arrivo un altro cavallo di razza, l’impegnativo e altrettanto bello «The Woman Who Left», ultimo film del filippino Lav Diaz. Autore di opere interminabili – si parla anche di otto ore – eppure chi riesce a vederle si sente alla fine riempito e, se ci ripensa, si accorge di essere stato catapultato in un mondo di celluloide che sembra vero.

LIDO DI VENEZIA -    “Uno sguardo surreale filtra la cruda realtà della guerra, che pur non perdendo il suo più intrinseco tratto, lascia spazio a scene permeate di sognante malinconia. 

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Il nuovo Rinascimento parte dalla Scienza

ROMA - “La scienza ha consentito di superare la crisi del periodo post bellico, promuovendo con le sue ricerche lo sviluppo industriale. L’Italia in dieci anni è passata da Paese...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Coaching: cosa è e a chi è utile

Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti. ( Whitmore, 2006 ) 

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077