Bruna Alasia

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

“Buio”, thriller simbolico che ha anticipato le atmosfere del confinamento, è l’opera prima di Emanuela Rossi, che racconta della diciassettenne Stella, reclusa con le sorelle più piccole Luce e Aria, in una sorta di quarantena, in una casa dalle finestre sbarrate.

VENEZIA - Variety, nota rivista americana, ha dato notizia che Alberto Barbera, direttore della Mostra di Venezia, abbia indirizzato a nome dell’organizzazione una lettera a produttori, dirigenti d’industria cinematografica, registi, attori e professionisti vari, per sondare la loro possibilità di essere presenti, prima di prendere la decisione finale: se mantenere cioè, o annullare, la travagliata edizione della mostra durante l’anno del Covid 19.

Jérôme Paillard, direttore esecutivo del Marché du film di Cannes, lancia la prima iniziativa concreta della travagliata edizione del 2020 e chiarisce: ” Un sondaggio condotto la scorsa settimana con distributori in tutto il mondo rivela che l'80% di loro è interessato a un mercato online e il 66% alla capacità di effettuare acquisizioni.

“Vita coniugale” di David Vogel è un grande romanzo che ha per protagonista un personaggio debole e vittima di se stesso, invischiato in una relazione amorosa con una donna sadica.

Alla riapertura delle librerie arriva l’autobiografia di Woody Allen: “A proposito di niente”. Attesa e interessante, è già in vetta alle classifiche delle vendite in digitale. Allan Stewart Königsberg, vero nome del regista, si definisce soprattutto uno scrittore: nei fatti il suo stile colloquiale, ironico, con l’eleganza della leggerezza profonda, ha la fluidità dei grandi narratori ed è pregno di quell’humour – difficile a realizzarsi nella scrittura – capace di suscitare il sorriso nella meditazione.

Dio d’illusioni” è l’esordio letterario di Donna Tartt, che nel 2014 è stata insignita del premio Pulitzer. La Tartt scrive, con dedizione totale, una lunga e dettagliata storia ogni dieci anni. Il risultato è uno di quei romanzi che fanno compagnia e ci arricchiscono: possenti, istruttivi e al tempo stesso ipnotici.

“Venezuela la maledizione del petrolio” è un documentario di Emiliano Sacchetti. Racconta, senza cedimenti ideologici, come il Venezuela, uno dei paesi più ricchi del Cono Sur sia al centro di una terribile crisi umanitaria, stritolato dalla corruzione, da povertà, sanzioni economiche e iperinflazione.

Alcuni giorni fa il settimanale francese “Le Point” scriveva che la 73ma edizione del Festival di Cannes, prevista dal 12 al 23 maggio 2020, sarebbe stata annullata, anche se la conferma ufficiale l’avremmo avuta solo nella conferenza stampa convocata per il 16 aprile.

Theo Decker, protagonista de “Il cardellino” di Donna Tartt, a soli dodici anni perde la mamma in un attentato terroristico avvenuto in un museo e, miracolosamente, riesce a salvarsi trovando una via d’uscita tra le macerie.

ROMA – Introdotto da Vira Carbone e Vincenzo Galluzzo, trasmesso in diretta su Rai Italia TV, in questi giorni a Montecitorio in una Sala della Regina piena a dispetto del corona virus  (segno dei tempi che Vira Carbone abbia definito i presenti “coraggiosi”) ha avuto luogo un bellissimo concerto in due parti, con protagonisti  il violinista  e direttore Marco Rogliano, il direttore d’orchestra del San Carlo di Napoli Maurizio Agostini e la celebrata pianista Rossana Tomassi Golkar.

Cerca nel sito

Poesia

Sogno per vivere

Non potrei viveresenza sogninell’oscuritadella nottesono luce.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

L'angolo dei classici

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]