Domenica, 01 Aprile 2012 09:55

ÈCU: Il cinema? Una passione senza confini

Scritto da
Rate this item
(1 Vote)

PARIGI (corrispondente) - Tutto esaurito per l’ÈCU film festival, dopo la serata di apertura, la prima giornata ha registrato un’affluenza record, tantissimi i giovani presenti oggi soprattutto studenti provenienti da diversi parti del mondo e desiderosi di scoprire il miglior cinema indipendente.

I giurati sono già a lavoro e continuano a vedere e rivedere film in cerca del verdetto finale. Aggirandosi per le sale del 7 Parnassiens e dell’Action Christine, non è difficile incontrare personalità tanto diverse eppur complementari tra loro: Naween Noppakun venuto dalla Thailandia per proiettare il suo primo film a Parigi nella sezione ÈCU Firsts, Mauro John Capece abruzzese in concorso con The Poet, che domani sarà proiettato in prima mondiale e Rita Broka giornalista, sceneggiatrice e documentarista della Lettonia che è in concorso con il documentario M Ferma. Tre nazioni, tre culture diverse eppure nonostante le distanze geografiche e le differenze culturali questi tre registi sono accomunati da una grande passione: il cinema. I registi, infatti, pur avendo budget ridotti hanno deciso di essere a Parigi e di presenziare alle loro proiezioni. L’ÈCU non solo è una vetrina internazionale, ma è un network che permette loro di conoscere e confrontarsi con realtà culturalmente e lavorativamente diverse che senz’altro arricchiranno il loro bagaglio esperienziale.

 

Probabilmente la cosa più bella e incoraggiante di tutto questo festival è vedere persone di talento e in piena fase creativa inseguire i loro sogni, esse hanno una forza e una determinazione tale che neanche le difficoltà burocratiche e la mancanza di denaro riescono a scoraggiarli, ma anzi vanno avanti e producono nonostante tutto e tutti il proprio film. L’aria che si respira nelle sale di questi cinema è diversa da quella che si trova nei festival dei grandi nomi, qui i lustrini lasciano il posto a jeans e scarpe da ginnastica, cioè che conta è il film, il prodotto. Anche se la sala è piena e non ci sono più poltrone libere, non importa ci si accomoda sul pavimento o si resta in piedi perché ciò che conta è poter guardare i film. Non ci sono limiti di età, le proiezioni sono per chi ama il cinema, e poco incide se il tuo vicino ha novanta anni o solo quattordici, o se due file avanti a te c’è persino un bellissimo esemplare di Labrador sdraiato sul pavimento che assiste alla proiezione in corso, qui ancora una volta a farla da padrone è il cinema. Il simpatico Labrador, infatti, non è un randagio capitato per caso in sala, ma è qui con il suo padrone e famiglia a seguito, sono venuti dalla Germania per assistere alla proiezione del film in cui lo stesso padrone è parte della troupe. L’ÈCU, ancora una volta dimostra come i confini geografici possano essere abbattuti quando la passione e la volontà diventano il motore di tutto, varcare la porta di quella sala per un regista e la sua troupe vuol dire tagliare un traguardo, vuol dire aver fatto un buon lavoro ed è l’incipit per un nuovo stimolo creativo. Nessuno di loro dimenticherà questa esperienza né i vincitori né i vinti.

Read 6664 times

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077