Venerdì, 24 Luglio 2015 23:01

Libri. “Il corpo parla”: come decodificare il suo linguaggio

Scritto da

Achille Carosi e Ettore Manildo spiegano come la kinesiologia riveli lo stato di salute generale e fornisca soluzioni rivoluzionarie

ROMA - È proprio il caso di dire mens sana in corpore sano: la salute che si riflette nello spirito e nel corpo, in un ciclo di reciproche corrispondenze, come da sempre sostiene la medicina tradizionale cinese e da oggi, anche la più moderna kinesiologia, scienza del movimento che studia il corpo umano nella sua globalità. Una disciplina olistica, che attraverso test muscolari, scopre lo stato di salute generale del corpo umano, i disturbi e la classe metabolica. Lo spiegano con chiarezza e semplicità espositiva, il dott. Achille Carosi e il dott. Ettore Manildo nel loro saggio di kiniesiologia applicata “Il corpo parla”, presentato durante il cenacolo letterario “La Fontana delle Idee”, presso la sede del giornale on-line Intelligo News, con il direttore Fabio Torriero, nel ruolo di moderatore. 

Soluzioni semplici, per problemi, apparentemente inspiegabili per la medicina tradizionale: pruriti feroci e dermatite topiche resistenti a qualunque farmaco, , arginabili con una dieta mirata, che rimetta in moto il metabolismo, piuttosto che con cure aggressive, a base di antibiotici, responsabili di indebolire il sistema immunitario.

Ma, in che modo la kinesiologia applicata, riesce, dove la medicina tradizionale fallisce? In primis, perché non si limita a curare i sintomi, ma studia l’eziologia del male, attraverso un’anamnesi globale, l’“indagine chiroscopica” che tiene conto del colorito del paziente, del suo modo di camminare, di parlare e persino delle sue rughe. Un’analisi completa, fondata sui tre elementi essenziali dell’organismo umano: l’elemento strutturale, il biochimico e quello psichico. Il principio strutturale, che si riferisce, appunto, alla struttura: ossa, denti, capelli, muscoli, tendini, nervi; dall’altro, l’elemento biochimico: sangue, linfa, ormoni e infine, la sfera mentale. Tre elementi correlati, dal cui bilanciamento dipende lo stato di salute del soggetto. Fenomeno spesso trascurato dalla medicina tradizionale, che laddove non riesce a decifrare i sintomi, emette la diagnosi di “stress”, senza analizzare i vari fattori, a fondo. Alla compromissione dell’uno, gli effetti ricadono inesorabilmente sugli altri due sistemi. Una scienza, che trae originale dall’antichissima medicina cinese, dall’agopuntura, dall’equilibrio energetico di ying e yang.

La visione meccanicistica del corpo umano si rivela ormai inadeguata a cogliere la complessità dell’uomo moderno, che parimenti a quello antico, sembrerebbe aver ritrovato nei rimedi naturali e nelle antiche discipline, il vero benessere e la sorgente dell’equilibrio psico-fisico. Una lettura fondamentale, per la salute del corpo e dello spirito. 

Il corpo parla 

Come capire e conoscere tutti i segnali che il corpo ci invia

Dott. Achille Carosi – Dott. Ettore Manildo

Leardini Editore

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Un mondo scomparso

Contadini un mondo scomparso. I “contadini che siamo stati.”

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Notte taciturna

Ricordo quella luna incantata e il dolce languore di una confidenza bisbigliata nel confessionale del cuore.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]