Venerdì, 31 Luglio 2015 14:31

Libri. Torna Laura Delli Colli con “Pane, film e fantasia. Il gusto del cinema italiano”

Scritto da

Dalla pasta e broccoli di Roma città aperta ai dolci rubati dei film di Nanni Moretti: un viaggio tra cucina e grande schermo

ROMA – Presidente del sindacato dei giornalisti cinematografici, Laura Delli Colli ha inaugurato oltre dieci anni fa la sua curiosa ricerca sul Gusto del Cinema. Uno dei  suoi primi libri di cucina fu “Il gusto del cinema internazionale in 100 ricette”. Io stessa, che amo cucinare, lo comprai, ne seguii i consigli, invitai gli amici per una serata diversa. Un successone. E non tanto perché molte delle persone a me vicine fossero cinematografare, quanto perché l’idea era coinvolgente. Vuoi mettere servire gli “spaghetti alla Lilli e il vagabondo”? Gli stessi che la cockerina e lo spinone mangiano nel classico di Walt Disney? In realtà si trattava di un piatto semplice:   la nostra pasta più famosa condita con polpette di macinato misto, uova, mollica di pane, latte, sedano carota, cipolla, parmigiano, olio, sale e pepe. La voce si sparse: nelle occasioni giuste, “Il gusto del cinema internazionale in 100 ricette” fu un regalo che molte colleghe apprezzarono.

Nell’anno in cui il tema di EXPO – ‘nutrire il pianeta’- richiama tutto il mondo sull’importanza del food,  anche il cinema italiano fa la sua parte con un percorso di attenzione alla nostra storia. E Laura Delli Colli torna con il volume, in uscita il primo settembre, “Pane, film e fantasia. Il gusto del cinema italiano”, raccontando  l’ affascinante itinerario del gusto nel backstage delle cucine del cinema d’autore e delle commedie più popolari. Un viaggio goloso tra aneddoti e particolari dei film storici e  delle ultime stagioni. Dalle minestre povere di ‘Roma città aperta’ e ‘I soliti ignoti’ al mitico coniglio ‘alla ligure’ – con le olive taggiasche -  spiegato nei dettagli culinari dal cardinale gourmet ne ‘La grande bellezza’ o al piatto preferito del latin lover di Cristina Comencini. Gustosa escursione nei cento film che dal ’46 ad oggi hanno segnato il nostro immaginario nel rapporto col cibo.

Oltre ai momenti imperdibili dei grandi classici, per esempio nel Gattopardo con il celebre “pasticcio” inciso a tavola personalmente da Burt Lancaster (lo stesso gesto del Principe di Salina che Tomasi di Lampedusa descrive nel romanzo), ci si cala in quelle scene che fanno venire l’acquolina in bocca, con l’attenzione ai registi che più ci si sono dedicati.  Vale a dire Ettore Scola e Pupi Avati, Federico Fellini e Gabriele Salvatores fino a Nanni Moretti con la sua mitica passione per i dolci o Ferzan Ozpetek. Ovviamente tutte le ricette sono in primo piano: dalle polpette de ‘Le fate ignoranti’ agli arancini di ‘Saturno contro’ senza dimenticare il trionfo di pasticceria de ‘La finestra di fronte’.   Un libro originale: bello da mangiare, regalare, vivere.

PANE, FILM E FANTASIA
Il gusto del cinema italiano

di LAURA DELLI COLLI
 Casa editrice: Rai Eri - in coedizione con Istituto Luce - pp.230

Prezzo: 25 euro - Data di uscita: 1 settembre 2015

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

Per Aspera ad Astra

PER  ASPERA  AD  ASTRA Uomini di poca fede  deboli vi perdete  nel vostro cammino…  Niente è uguale  ogni paesaggio  ha la sua bellezza.  Mettete da parte la tristezza  la vita è fonte di gioia  per l’uomo stanco  tutte le fonti...

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

Covid-19. Il Coronavirus passerà all’orizzonte di una nuova consapevolezza

“Scusa la domanda principe della peste: dove te ne vai adesso?”Con questa domanda nel 1958 Mao Zedong concludeva una delle sue poesie, intitolata “Addio al dio della peste”.  Attraverso versi...

Carlotta Pompei - avatar Carlotta Pompei

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Aiutiamo la ricerca italiana a sconfiggere il Coronavirus

Takis, azienda italiana di Castel Romano, è l'unica in Italia e la prima in Europa pronta a testare il suo vaccino Covid-19 su modelli  

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]