Mercoledì, 02 Novembre 2016 15:38

Mesogea. “Poema umano” di Danilo Dolci. Recensione

Scritto da

Torna in libreria, grazie all’editore Mesogea,  “Poema umano” di Danilo Dolci, introvabile raccolta lirica, dopo la prima pubblicazione del 1974 con Einaudi. In esso è contenuta una sofferta sintesi della riflessione poetica di Dolci sull’uomo e sul mistero della vita.

Danilo Dolci scrive nella premessa: “In un momento di saggezza, verso i venticinque anni, ho bruciato tutto, millecinquecento versi, allora li contavo”. (…)  Poiché molte antologie scolastiche, sempre più frequenti, riportavano mie pagine di poesia, e stavano per apparire raccolte in diverse lingue, ho riletto tagliato e riscritto quanto mi pareva utile rimanesse … “cop.jpg

Fermo restando che la “saggezza” nel bruciare la produzione giovanile è solo un opinabile punto di vista, “Poema umano”  essenzializza la personalità e l’impegno di Danilo Dolci: uomo in cui il  pensiero era coerente all’azione e la poesia prassi quotidiana. Si ricordi che Dolci fu anche architetto, sociologo ed educatore, protagonista di iniziative per la piena occupazione, la distribuzione dell’acqua, la democrazia, pioniere della lotta alla corruzione politica. Tra i primi a indicare nella crescita cultural-creativa di ciascuno una possibilità di progresso.

Stupisce, nel rileggere oggi Danilo Dolci, la modernità del suo pensiero: più vicino all’attualità di un mondo globalizzato e interconnesso, che a quello dei suoi contemporanei. Stupisce la sua preoccupazione ecologica per la conservazione del pianeta, il sentirsi parte di una galassia di cui si ciba e nutre, testuale: “Mangiare è un dramma cosmico. Accetto di mangiare per poter farmi mangiare” . 

Per Danilo Dolci – secondo una lettura dell’ecosistema che oggi molti fan propria - niente esiste a sé stante, ogni cosa è interdipendente: concetto basilare per la  sopravvivenza stessa, dove ognuno è “creatura di creature” e da ciò scaturisce la prosecuzione, o la distruzione, della vita. Ostacolo alla crescita umana, per Danilo Dolci, il non sentirsi parte integrante dell’universo. Egli scrive:

Un limite dell’uomo

è che raggiunge appena qualche oggetto

con i suoi miopi sensi, tra miriadi, 

ne intravede un barbaglio,

e rozzo lo sega, lo slega

del suo resto vitale, da radici

che arrivano lontane negli spazi

e nel tempo. I suoi limiti

gli rendono possibile un’impresa

impossibile:

                                      uno,

qualcosa esista a sé.

Danilo Dolci

Poema umano

Mesogea editore

Pagine 261

Euro 16

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Terra poesia dei sensi

Ogni angolo di terra è poesia per gli occhi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

El Mimo

Mimo la protesta colorata di sogni di riscossa

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]