Mercoledì, 08 Febbraio 2017 13:03

“Profondo sud”. Un viaggio nella cultura del Dixie di Seba Pezzani

Scritto da

Cosa sta succedendo alla grande America, quella dei sogni di generazioni di giovani?

Questo è un viaggio iniziatico tra le paludi, i boschi, le piantagioni, le grandi magioni coloniali e i porti che fecero da approdo privilegiato alle navi dei negrieri, appesantite dal loro carico di infamia. Solo da un retroterra storico e culturale come questo, con la sua nomea di terra dura, implacabile, spesso teatro di nefandezze all’insegna della superiorità della razza bianca su quella nera, ma anche di gesti di profonda umanità si sarebbe potuto avere un patrimonio letterario e musicale così ricco. Attraverso un percorso geografico, ma soprattutto onirico, l’autore costruisce un itinerario in grado di avvincere il viaggiatore interessato alle sfumature di un mondo a tratti incomprensibile. 

Lungo i finestrini di un’auto che transita sulle interminabili statali del Sud scorreranno le immagini delle piantagioni di tabacco del North e South Carolina e della Georgia, quelle immortalata nelle cupe storie di Erskine Caldwell, così come le panchine e i chioschi nelle eleganti e un po’ decadenti vie di Savannah, terreno delle scorribande letterarie di Flannery O’Connor. Ci sarà la “Sweet home Alabama” di Ronald Everett Capps e di Harper Lee, con le loro storie sempre in bilico fra umorismo e sano realismo del Sud. Ma ci sarà spazio anche per la leggerezza accademica del triangolo dell’istruzione Chapel Hill-DurhamRaleigh, una zona che pare particolarmente amata da grandi autori come Jeffery Deaver, Daniel Wallace e William Ferris. 

E la musica, vera forma d’arte autoctona del Sud? Quella è soprattutto appannaggio delle comunità nere di Mississippi e Louisiana, tra blues lancinanti e edonistici ritmi creoli. Il viaggio, dopo aver fatto la conoscenza di Tennessee Williams, Eudora Welty e William Faulkner, tra gli altri, si conclude nel Texas orientale, la casa di Joe Lansdale, uno dei narratori americani contemporanei più apprezzati dai lettori italiani. ll suo Texas è l’ultima propaggine del grande Sud e nel giardino di non poche case ancora sventola la bandiera del Dixie. 

Seba Pezzani nato a Fidenza, il 21/07/64, è da quasi trent’anni attivo come cantante e chitarrista, nonché autore. Laureato in Scienze Politiche presso l’Università di Bologna, da sempre è appassionato di letteratura angloamericana. Affianca all’attività musicale quella di traduttore e interprete freelance dall’inglese. Fra gli artisti al cui fianco ha operato figurano Joe R. Lansdale, Jeffery Deaver, Henry Winkler, Anne Perry, Tom Franklin, John Harvey, Ruth Rendell, Lawrence Block. Collabora attivamente con la pagina culturale de l'Unità e con quella de Il Giornale.

.

BOOK MEDIA EVENTS annuncia l’uscita in libreria il 9 febbraio di 

Profondo Sud 

Un viaggio nella cultura del Dixie 

Di  Seba Pezzani 

Giulio Perrone editore 

Collana: Passaggi di dogana

 Pagine: 230 

Prezzo: 15 euro

 Isbn: 978-88-6004-438-9

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]