Mercoledì, 15 Novembre 2017 13:51

Guillermo Sullings. “L’umanità al bivio. I passi verso la nazione umana universale”. Recensione

Scritto da

 “L’Umanità al bivio. I passi verso la Nazione Umana Universale” raccoglie il pensiero filosofico di Guillermo Sullings, convinto sostenitore di un processo d’integrazione tra i paesi, dove i popoli animati da sincero spirito di cooperazione costruiscano una società autenticamente democratica, libertaria, non violenta, in altre parole una Nazione Umana Universale. 

Nato in provincia di Buenos Aires nel 1954, Sullings è stato tra i fondatori del Partito Umanista argentino e Segretario dell’Internazionale Umanista. Laureato alla facoltà in Scienze Economiche ha lavorato presso imprese e istituzioni. Oggi è consulente di enti sociali con funzione di revisione legale dei conti e gestione dei crediti. Di Guillermo Sullings è stato pubblicato in Italia il saggio “Oltre il capitalismo: economia mista”. 

Senza negarsi la difficoltà del cambiamento culturale al quale il suo libro vuole contribuire, Guillermo Sullings scrive all’inizio del suo saggio “L’unica verità è l’Utopia, la realtà è un punto di partenza circostanziale”, sostenendo che il sogno e non la rassegnazione muove il progresso, che un mondo senza violenza e senza fame è l’aspirazione profonda di ogni essere umano di buona coscienza. L’impresa è, nei fatti, ardua giacché significherebbe trasformare il potere militare attuale, quello politico e la concentrazione di quello economico. Tre pilastri fondamentali sui quali si reggono le nostre società. Ma è pur vero che la sopravvivenza del pianeta dipende dalla conquista civile del bene che avvantaggia la prosecuzione della specie: “Nessuno può aspettarsi il rispetto del diritto alla vita – scrive Sullings - finché le guerre saranno la metodologia di azione di quanti pretendono di dominare il mondo”, e aggiunge “nessuno può aspettarsi che siano rispettati i diritti primari, finché le società saranno spettatrici passive di fronte alla mancanza di futuro di quanti cercano di emigrare”.

Per avanzare verso la Nazione Umana Universale, secondo Guillermo Sullings, è molto importante che gli obiettivi e i passi da percorrere siano chiari e ne “L’umanità al bivio” si ripromette di indicare la progressione di queste tappe, atte a influenzare il disgregamento di quei poteri che generano conflitti e ingiustizie, tenendo presente che la trasformazione sociale inizia in primis dentro di noi.  Per Sullings non è possibile cambiare una parte senza cambiare il tutto, perché ogni parte è interconnessa con il sistema che la include.

Sullings elenca dunque i passi del cambiamento a livello internazionale: lo smantellamento degli arsenali nucleari; lo smantellamento degli arsenali convenzionali; la rifondazione delle Nazioni Unite; la campagna per lo sviluppo mondiale che ha come primo obiettivo la lotta alla fame; la ristrutturazione del sistema finanziario internazionale; l’eliminazione delle frontiere per la circolazione delle persone; la necessità di fermare il disastro ecologico. La ribellione culturale alla manipolazione mediatica, i diritti umani.

L’autore analizza a fondo le strutture che compongono i sistemi nazionali e il modo in cui è possibile trasformarli: la democrazia reale che necessita di maggiore coinvolgimento di ciascuno nel processo decisionale; la crisi della democrazia formale, dove il disfacimento è sistemico e la corruzione non è che uno dei tanti tasselli che determinano il “crollo delle istituzioni”; la divisione dei poteri che si muovono secondo interessi di parte; i partiti politici, le loro tendenze autocratiche e la loro crisi di rappresentatività. Sullings non tralascia di indicare concretamente quegli strumenti organizzativi e di democrazia reale che sono utili al progressivo cammino verso la Nazione Umana Universale. 

 Questa Nazione Umana Universale sarà possibile un giorno? In Guillermo Sullings la forza è insita nell’utopia stessa, in altre parole ha fede nell’uomo. Scrive l’autore: “L’essere umano è capace di entrare in contatto con la propria spiritualità. L’essere umano ha tutto il futuro davanti a sé e non c’è alcun bisogno di dirgli dove andare; bisogna soltanto liberare il suo cammino dagli ostacoli”.

Guillermo Sullings

L’umanità al bivio. I passi verso la Nazione Umana Universale

Pag. 208 - Euro 12

Editore Multimage 2017

www.multimage.org

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Opinioni

Morire come un insetto

La vita media nei paesi sviluppati si è allungata. Per quelli che vivono in Europa o negli Stati Uniti d’America o in Giappone, raggiungere la terza età e oltre è...

C.Alessandro Mauceri - avatar C.Alessandro Mauceri

Storia: Cinquant’anni fa l’offensiva del Tet

Nel gennaio del 1968 con l’attacco comunista al sud gli Usa capirono che la guerra in Vietnam non poteva essere vinta. “Il Vietnam è ancora dentro di noi. Ha creato dei...

Alessandro Ceccarelli - avatar Alessandro Ceccarelli

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077