Lunedì, 22 Gennaio 2018 21:05

Alessandro Berselli presenta “Le Siamesi” alla Libreria Incipit a Roma

Scritto da

Alessandro Berselli presenta “Le Siamesi” alla Libreria Incipit a Roma 

Il nuovo lavoro dello scrittore bolognese. Moderatori le scrittrici Simona Teodori e Luana Troncanetti

Presso la libreria Incipit, in Via Giuseppe Marcotti a Roma, da sempre impegnata con coraggio a diffondere cultura e incontri letterari nel quadrante tiburtino, così povero di luoghi d’aggregazione d’interesse, si è tenuta la presentazione della nuova fatica letteraria dello scrittore bolognese, classe 65, Alessandro Berselli, “Le Siamesi” per la casa editrice Elliot.

A fare da moderatrici  le scrittrici Luana Troncanetti, recente vincitrice di Thriller Cafè e Simona Teodori che si è fatta ben conoscere con i suoi ottimi scritti “Voci Partigiane” (2014) e “Figlie di Eva” (2016). Alessandro Berselli è uno scrittore di consumata professionalità, ha iniziato la sua produzione artistica intorno ai quarantanni e vanta diverse presenze al Maurizio Costanzo Show dove ha avuto modo di far conoscere il suo pensiero.

Il suo ultimo libro, 126 pagine, risente dell’influenza dei grandi scrittori americani come Carver e Roth ed è un noir avvincente con una scrittura “erosiva, caustica”, come ha giustamente osservato Simona Teodori, che scioglie ogni sovrastruttura, ogni maschera, lasciando solo l’essenziale. Per stessa  ammissione di Berselli, la sua opera letteraria guarda alla cinematografia, al visivo, vuole essere limpida, efficace e serrata, non lasciando spazio a descrizioni troppo pesanti e ampollose.

Il personaggio principale è Ludovica, irritante, scostante, antipatica, figlia della Milano bene, benestante, che ci accompagna lungo tutta la storia in un mondo fatto di Vernissage, di locali di tendenza, di aperitivi, tutto lontano dalla realtà di tutti i giorni, ma perfettamente ancorato al dramma esistenziale che stiamo attraversando.

Secondo Berselli, stimolato dalle domande della Teodori e della Troncanetti, l’idea di un personaggio scomodo che ha tutto, che ha spessore perché ha potuto studiare, che ha tutte le strade aperte, ma è insoddisfatta, insofferente, niente gli basta e quindi sfiora l’abisso arrivando persino all’anoressia poteva essere stimolante per costruire un intreccio narrativo coinvolgente, accattivante.

L’incontro tra Ludovica ed Emanuele, altro elemento cardine della storia, rappresenta il momento scatenante dell’intreccio narrativo che ci porta in una sorta di “inferno dantesco” per farci arrivare a scoperte inaspettate, sorprendenti, stranianti. Si tratta di un libro che “picchia duro” secondo quanto afferma lo stesso Berselli che non vuole lasciare il lettore tranquillo sulla sedia, ma stimolarlo, mantenerlo sul vivo della storia per aprire i suoi occhi su un mondo più vasto.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]