Giovedì, 28 Giugno 2018 11:53

Vetrya Academy, arte e cultura nella silicon valley italiana

Scritto da

“La scrittura o la vita” di Annalena Benini apre il ciclo di incontri 

ROMA - Un luogo apparentemente inusuale. Nel posto dei bit, dei chip, degli algoritmi, delle piattaforme cloud, in quella che è considerata la silicon valley tutta italiana, non è certo scontato trovare tanto spazio dedicato all’arte e alla cultura. Nella Vetrya Academy di Orvieto, in collaborazione con la Fondazione Luca e Katia Tomassini, dove l’alta tecnologia è il motore di un’attività rivolta al futuro, c’è anche un lungo calendario di appuntamenti dedicati alla lettura, alla scrittura, all’arte con installazioni e mostre permanenti di artisti contemporanei. 

Ad aprire il ciclo di questi incontri, la presentazione del libro “La scrittura o la vita” di Annalena Benini, giornalista del quotidiano “Il Foglio”.  Un faccia a faccia con dieci scrittori italiani che incontrano il vissuto di chi ha fatto della scrittura non solo un mestiere, ma la ragione della propria esistenza.

La domanda, che poi muove l’autrice stessa, si colloca nel: “Perché scrivo?”.  La risposta, seppur articolata e mai scontata la troviamo a più livelli tra le pagine del libro, ma forse è già racchiusa nell’out-out del titolo. 

“La scrittura o la vita” è un saggio che la Benini scrive con la maestria di un romanzo, dove le parole scorrono veloci, ma lasciano tracce indelebili. Le stesse che solo la forza della parola scritta può lasciare. Non ha importanza se si è o meno uno scrittore per essere coinvolti dal fil rouge che tiene insieme l’architettura di questo saggio: nelle sue pagine si vive e si respira  passione. La scrittura concepita e vissuta come il fuoco di una vocazione, che ha in sé il senso più profondo di una totale dedizione. La scrittura è quel qualcosa che spinge, muove, accende. Che può incasinare la vita e anche separarti da essa. E’ elemento totalizzante e, in quanto tale, vitale. E’ per questo che anche nei momenti più disperati può essere la finestra sulla luce.

Dieci incontri nella letteratura, dieci storie di vita raccontate da Annalena Benini per non dimenticare che finché abbiamo una storia da raccontare siamo vivi. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

300x300.gif

300x300_canaletto_2.jpg

 

 

300x300.gif

Opinioni

Un’ora d’aria, anzi di Musica. Il lavoro dei grandi compositori entra in carcere…

Il Coro Gesualdo a Rebibbia: “l’uomo non nasce “stonato” va semplicemente “ri-accordato”, affrancato e confortato” Sono le ore dieci e trenta di un venerdì qualsiasi e alla Casa di Reclusione di...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Non solo coaching: siamo ciò che impariamo?

Durante il percorso della vita accumuliamo esperienze, che vanno a riempire le pagine della nostra conoscenza. Fin dalla nascita, ma anche nel grembo materno, inizia il nostro percorso, che ci...

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077