Lunedì, 13 Agosto 2018 10:03

Honoré de Balzac. “La figlia di Eva”, storia d’amore e d’intrigo. Recensione

Scritto da

“La figlia di Eva” – questo il titolo che dà Faligi editore al racconto di Honoré de Balzac, altri lo individuano come “Una figlia di Eva” – è la storia dell’educazione di due sorelle Marie-Angelique e Marie-Eugénie, vissute nell’ambiente altolocato di Parigi agli inizi del diciannovesimo secolo.

Le quali giovanissime “arrivarono al matrimonio “senza mai essere uscite dall’ambiente domestico dove si librava lo sguardo materno” (…) “La loro educazione in casa era rigorosa quanto lo sarebbe stata in un chiostro”. Una delle due, Marie- Angelique, sposa fedele privata dell’innamoramento, non sfuggirà al fascino dei sensi per un giovane pseudo - artista avventuroso e squattrinato che la trascinerà in un vortice emotivo mai conosciuto prima. L’amante si troverà a rivaleggiare con un marito forte della sua posizione, della sua intelligenza e saldezza di nervi.

Questo romanzo breve di Honorè de Balzac non è solo una storia d’amore e d’intrighi, ma un cesello della società nobiliare dove tornano molti caratteri conosciuti, archetipi della commedia umana: ad esempio il musicista povero e onestissimo, vittima di raggiri proprio da parte di coloro che amava, simile a uno dei protagonisti ne “Il cugino Pons”.

 Come sempre i romanzi di Balzac sono consigliati a chi - al di là della trama costruita con ingegno e mai prevedibile - ama lo scandaglio sociologico e, soprattutto, quello psicologico e senza tempo di personaggi nei quali possiamo ritrovare una parte di noi stessi.

Faligi editore

Honoré de Balzac

La figlia di Eva

e-book euro 2,99

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

La riscossa dell'avvenire

Alle donne Che sono le fondamenta della società

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Rosa del deserto

Il muezzin cantilenando va le sue preghiere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]