Domenica, 17 Febbraio 2019 09:28

Fëdor Dostoevskij. “Delitto e castigo”, classico intramontabile. Recensione

Scritto da

Rodiòn Romànovič Raskòl'nikov, protagonista di Delitto e castigo - romanzo celeberrimo di Fëdor Dostoevskij - è uno studente di ventitré anni che vive a San Pietroburgo in uno stato d’indigenza, economica e psichica, tale da fargli abbandonare gli studi.

In lui è maturata la convinzione che l'umanità sia fatta di due categorie di persone, quelle "ordinarie”, la maggioranza, e quelle “straordinarie”, pochissime, di cui prende a modello Napoleone. Per uscire dallo stato di annichilimento, dovuto alla condizione di reietto per assenza di soldi ed eccesso di complessi d’inferiorità, illudendosi di diventare un superuomo attraverso un’impresa estrema, Raskòl'nikov commette un duplice omicidio: quello premeditato di una vecchia usuraia e preterintenzionale della sorella testimone del delitto. Dopo il gesto folle, pur non essendo indagato, il giovane è annichilito da attacchi di panico paranoico; alterna a momenti di calma deliri aggravati dalla malnutrizione, l’odio represso gli causa svenimenti, l’ansia non lo abbandona mai, farnetica e i suoi amici lo credono pazzo. In seguito all’omicidio, invece che scoprirsi più libero, è più solo al mondo. L’incontro con Sonia, una ragazza costretta dalla miseria a prostituirsi, darà una svolta al suo isolamento e al suo destino …

La radice di Raskòl'nikov, cognome del protagonista, in russo significa “scissione”: scissa è, infatti, la personalità del ragazzo. Punto di forza del libro è la capacità dell’autore di analizzare il “sottosuolo psichico” del suo personaggio: Fëdor Dostoevskij rende visibile il suo conflitto interiore, la divisione tra la paura del castigo e il senso di colpa che vorrebbe spingerlo a farsi scoprire. “Delitto è castigo” calamita il lettore con la forza trainante di un thriller psicologico, è un viaggio nell’inconscio di un assassino, connotato anche da momenti grotteschi, gesti di ridicola disperazione, che suscitano il sorriso in chi legge. Crimine e bisogno di espiazione sono i due aspetti che trasformano quest’opera da libro giallo in scandaglio miliare degli abissi dell’anima. Intorno alle figure principali ruota un’umanità dolente e degradata, affresco sociologico di un’epoca, momento della storia di una città e della stessa Russia.

 “Delitto e castigo” di Fëdor Dostoevskij è in commercio, in formato cartaceo ed ebook, tramite vari editori.

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Poesia

Le parole

Le parole strumenti nelle nostre mani scritte ripetute vogliono essere comprese.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

La finestra dell'anima

C’è una finestra nell’anima mia m’affaccio per stupirmi nell’infinito rosso d’un tramonto che non esiste…..

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]