Giovedì, 17 Dicembre 2020 10:01

Libri. “L’educazione” di Tara Westover, sconvolgente testimonianza sull’importanza dell’istruzione per salvarsi la vita

Scritto da

“Questo non è un libro sui mormoni né su nessun altro credo religioso”, è la premessa di Tara Westover alla sua autobiografia: necessaria perché i pregiudizi secolari nelle quali l’autrice è stata ingabbiata dalla sua famiglia, non possono riferirsi solo a loro. Tutt’oggi, ad esempio, esistono nella nostra società superstizioni che portano ad avere paura dei medici, delle medicine, a rifiutare la realtà, per non parlare dei vaccini e, in un periodo di paura come quello che attraversiamo, esse sono affiorate in tutta evidenza.

Nelle 380 pagine, coinvolgenti come solo i grandi narratori riescono a fare, la Westover ci affida la sua battaglia per salvarsi da quel misto d’ignoranza e follia che può condurre a una vita piena di lividi o a morte.

Tara Westover è nata nel 1986 in Idaho. Sul risvolto di copertina giorno e mese di nascita non sono indicati perché i suoi genitori non l’hanno comunicato all’anagrafe e poi hanno dimenticato la data esatta. Il motivo per cui lei e i fratelli non sono stati registrati è da legarsi alla credenza che lo Stato, informato della loro esistenza, li avrebbe obbligati a incredibili vessazioni, tra cui quella di sottoporsi alle cure mediche e andare a scuola: suo padre da piccola le raccontava che, per questi motivi, una famiglia che abitava in zona, era stata attaccata dai federali con le armi. Così Tara e i suoi fratelli non sono stati allenati allo studio per non essere rovinati ma, fin da piccolissimi, addestrati dal padre a recuperare metalli in una discarica, nella quale si sono feriti, a volte in modo serio. La madre, ostetrica e guaritrice, insegnava loro come lavorare erbe alle quali attribuiva poteri miracolosi. Tara è cresciuta aspettando la fine del mondo, così diceva il padre che interpretava a modo suo estratti della Bibbia e, per prepararsi all’apocalisse, conservavano cibi in barattoli che stipavano ad hoc, convinti che sarebbero stati gli unici a sopravvivere, Nei confronti delle donne l’opinione era considerarle sgualdrine: uno dei fratelli, in particolare, si esprimeva con la violenza. Chiusi in un integrale isolamento, su tutto dominava la paura, l’odio virulento verso gli infedeli o semplicemente i diversi.

In un crescendo di tensione Tara, che fino a diciassette anni non aveva mai saputo niente delle Torri Gemelle e tanto meno dell’Olocausto, ci accompagna alla scoperta delle sue risorse intellettuali, della sua fame di conoscenza e di vita che la portano a emanciparsi a caro prezzo, contro il volere della famiglia. Indipendente, sorretta dalla sua intelligenza e da borse di studio meritate, arriva all’università di Cambridge e di Harvard. Un libro di memorie di una persona giovane, autentica narratrice, che ci trasmette come “l’educazione”, l’istruzione, possa salvare la vita. Un libro che si legge d’un fiato e da regalare.

Tara Westover

L’educazione

Universale economica Feltrinelli

Pagine 380

Brossura euro 11

Ebook euro 7,99

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

Poesia

Sogno per vivere

Non potrei viveresenza sogninell’oscuritadella nottesono luce.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Ne…

La guerra infuria: il virus occupa Disneyland, il festival di Cannes, la sala Nervi in Vaticano

Il Covis19 si sta impossessando di tutto, in tutto il mondo. Disneyland, tempio del divertimento, chiuso da tempo per evitare assembramenti, è diventato un “centro covid”, dove al posto dei...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Ricerca. Le cellule cancerose vanno in letargo per sfuggire alla chemioterapia

Le cellule cancerose sarebbero in grado di proteggersi in una sorta di letergo, quando sono minacciati dal trattamento chemioterapico. E' quanto emerso in una ricerca apparsa sulla rivista scientifica Cell. 

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]