Giovedì, 22 Marzo 2012 17:15

Voglio il mio avocado. Il giocabolario. Il nuovo libro di Pietro Gorini e PassePartout

Scritto da

ROMA - Trovate un solo motivo valido per non comprare "Voglio il mio avocado! Il giocabolario".

È costoso? Niente affatto. È difficile? No. Piace soltanto a chi ama i giochi di parole? No, "Il giocabolario" non solo vanta il record mondiale di giochi di parole - oltre 1450 in un unico libro! -, ma racchiude nuove bizzarre definizioni che interesseranno i patiti di umorismo e gli amanti di romanzi rosa, i divoratori di saggi e i fan del noir, i maniaci dell'ecologia e i lettori più maliziosi. Col Giocabolario nasce un mondo nuovo, dove vive il Canguru (canguro dedito alla meditazione), il Nababbo Natale (Babbo Natale dei bimbi ricchi), lo Spermatozio (spermatozoo da cui non nascono figli, ma nipoti)! In effetti, una ragione per non comprare "Il giocabolario" ci sarebbe: qualcuno che vi vuole bene ve l'ha già regalato. Il grande scrittore argentino Borges scriveva: "Parlare è giocare senza carte". Nessuno sa qual è stato il primo gioco di parole inventato dall'uomo, ma possiamo dire qual è l'ultimo: il Giocabolario.


Titolo
Voglio il mio avocado. Il giocabolario
Autore
Gorini Pietro & PassePartout
Prezzo
€ 8,42

2012, 160 p., ill., brossura
Editore
L'Airone Editrice Roma  (collana Libri illustrati)

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077