Menu
Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

Trump: nuove linee guida contro l'immigrazione clandestina

NEW YORK - Il dipartimento della Sicurezza interna Usa ha...

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

Scissione Pd. Oggi la resa dei conti

ROMA - Dopo il confronto di domenica in assemblea, il...

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

La Francia perde 1,5 milioni di turisti. Colpa del terrorismo

PARIGI - Parigi se la passa male, almeno per quel...

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

Omicidio Scazzi. Confermato ergastolo per Sabrina e Cosima

TARANTO - (AdnKronos) - Sono stati confermati gli ergastoli per Cosima...

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

L’intervista. Walter Pagliaro e il “Pellicano” di Strindberg

Tona in scena dopo trent’anni, grazie a Walter Pagliaro, al...

Lavoro: meglio disoccupato che postino

Lavoro: meglio disoccupato che postino

TERAMO - ''Su 100 persone selezionate per il ruolo di...

Venezuela. Maduro bacchetta Trump, basta sanzioni

Venezuela. Maduro bacchetta Trump, basta sanzioni

BOLOGNA - Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro, durante la puntata...

Iraq. A Mosul massiccia operazione anti Isis

Iraq. A Mosul massiccia operazione anti Isis

BAGHDAD - Le forze irachene hanno "bonificato" un'area di 60 chilometri...

Graziani e Villa: la musica come arte e passione

Graziani e Villa: la musica come arte e passione

Ci voleva il genio eclettico di Andrea Scanzi per riportare...

Nel pubblico ci si ammala di più

Nel pubblico ci si ammala di più

Nel 2015 sono stati licenziati 280 “furbetti” 

Prev Next

“Gobseck”, l’avaro secondo Balzac

“Gobseck”, l’avaro secondo Balzac

“Gobseck”, ritratto affascinante di un usuraio, è un racconto di Balzac pubblicato nel 1830, universalmente considerato il suo primo capolavoro.

La storia inizia in un salotto parigino, dove madame de Grandlieu confida all’avvocato Derville la propria contrarietà a che la figlia sposi un certo Ernest, la cui madre ha dissipato l’intero patrimonio a causa di una relazione illegittima con un dandy. L’avvocato Derville, che ha conosciuto il giovane Ernest, per tranquillizzarla la informa di fatti, dei quali è stato testimone, che dimostrano a madame come il giovanotto sia tutt’altro che un cattivo partito. Tale circostanza non è che lo spunto per introdurre, in primissimo piano, Jean Esther van Gobseck, un usuraio, un avaro il cui senso della vita si realizza grazie al denaro fine a se stesso. 

Attraverso avventure coinvolgenti, relazioni tipiche del tempo, narrate dall’avvocato Derville – personaggio che gli amanti dello scrittore troveranno anche in “Splendori e miserie delle cortigiane” e nel “Colonnello Chabert” - Balzac raffigura il protagonista con una complessità e una finezza psicologica che fa di Gobseck l’incarnazione del potere dell’oro e del piacere della manipolazione umana attraverso di lui. Come tutti i modelli realistici, Gobseck è una personalità con molte sfumature, mai definitivamente bianca o nera, imprevedibile, in grado persino di momenti di generosità, quando scorge nelle sue vittime un barlume di nobiltà d’animo. Il finale, che non racconto, propone la visione balzachiana dell’avaro: un uomo teso a un accumulo inesistente, incapace di godersi la ricchezza della vita.

Honoré De Balzac

Gobseck

Passigli Editore 2016

Pagine 109

Euro 8.50

Torna in alto
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208