Giovedì, 05 Gennaio 2017 16:38

“Gobseck”, l’avaro secondo Balzac

Scritto da

“Gobseck”, ritratto affascinante di un usuraio, è un racconto di Balzac pubblicato nel 1830, universalmente considerato il suo primo capolavoro.

La storia inizia in un salotto parigino, dove madame de Grandlieu confida all’avvocato Derville la propria contrarietà a che la figlia sposi un certo Ernest, la cui madre ha dissipato l’intero patrimonio a causa di una relazione illegittima con un dandy. L’avvocato Derville, che ha conosciuto il giovane Ernest, per tranquillizzarla la informa di fatti, dei quali è stato testimone, che dimostrano a madame come il giovanotto sia tutt’altro che un cattivo partito. Tale circostanza non è che lo spunto per introdurre, in primissimo piano, Jean Esther van Gobseck, un usuraio, un avaro il cui senso della vita si realizza grazie al denaro fine a se stesso. 

Attraverso avventure coinvolgenti, relazioni tipiche del tempo, narrate dall’avvocato Derville – personaggio che gli amanti dello scrittore troveranno anche in “Splendori e miserie delle cortigiane” e nel “Colonnello Chabert” - Balzac raffigura il protagonista con una complessità e una finezza psicologica che fa di Gobseck l’incarnazione del potere dell’oro e del piacere della manipolazione umana attraverso di lui. Come tutti i modelli realistici, Gobseck è una personalità con molte sfumature, mai definitivamente bianca o nera, imprevedibile, in grado persino di momenti di generosità, quando scorge nelle sue vittime un barlume di nobiltà d’animo. Il finale, che non racconto, propone la visione balzachiana dell’avaro: un uomo teso a un accumulo inesistente, incapace di godersi la ricchezza della vita.

Honoré De Balzac

Gobseck

Passigli Editore 2016

Pagine 109

Euro 8.50

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208