Giovedì, 05 Gennaio 2017 16:38

“Gobseck”, l’avaro secondo Balzac

Scritto da

“Gobseck”, ritratto affascinante di un usuraio, è un racconto di Balzac pubblicato nel 1830, universalmente considerato il suo primo capolavoro.

La storia inizia in un salotto parigino, dove madame de Grandlieu confida all’avvocato Derville la propria contrarietà a che la figlia sposi un certo Ernest, la cui madre ha dissipato l’intero patrimonio a causa di una relazione illegittima con un dandy. L’avvocato Derville, che ha conosciuto il giovane Ernest, per tranquillizzarla la informa di fatti, dei quali è stato testimone, che dimostrano a madame come il giovanotto sia tutt’altro che un cattivo partito. Tale circostanza non è che lo spunto per introdurre, in primissimo piano, Jean Esther van Gobseck, un usuraio, un avaro il cui senso della vita si realizza grazie al denaro fine a se stesso. 

Attraverso avventure coinvolgenti, relazioni tipiche del tempo, narrate dall’avvocato Derville – personaggio che gli amanti dello scrittore troveranno anche in “Splendori e miserie delle cortigiane” e nel “Colonnello Chabert” - Balzac raffigura il protagonista con una complessità e una finezza psicologica che fa di Gobseck l’incarnazione del potere dell’oro e del piacere della manipolazione umana attraverso di lui. Come tutti i modelli realistici, Gobseck è una personalità con molte sfumature, mai definitivamente bianca o nera, imprevedibile, in grado persino di momenti di generosità, quando scorge nelle sue vittime un barlume di nobiltà d’animo. Il finale, che non racconto, propone la visione balzachiana dell’avaro: un uomo teso a un accumulo inesistente, incapace di godersi la ricchezza della vita.

Honoré De Balzac

Gobseck

Passigli Editore 2016

Pagine 109

Euro 8.50

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077