Martedì, 17 Gennaio 2017 16:01

“Sarrasine”. Ermafroditismo e arte secondo Balzac

Scritto da

Alla metà del diciottesimo secolo a Parigi viveva un giovane scultore, figlio di un avvocato della Franca Contea, di nome Ernest-Jean Sarrasine. Il ragazzo aveva scelto la strada dell’arte opponendosi ai desideri del padre, che avrebbe voluto seguisse la sua più redditizia carriera.

Sarrasine ha talento, è una persona sensibile ed è molto passionale. Inviato a Roma a completare gli studi, s’innamora perdutamente di una cantante d’opera di nome Zambinella che segue tutte le sere al teatro Argentina. Tuttavia quello che Sarrasine non sa è che la bellissima artista è in realtà un castrato dalle fattezze femminili …

Questi i personaggi fulcro dell’intensa, avventurosa e pur breve storia, pubblicata per la prima volta nel 1830 da Honoré De Balzac sulla Revue de Paris. Nello stile dettagliato e avvincente, proprio del suo periodo più fertile, Balzac condensa molti interrogativi sul significato dell’arte, sulla molteplicità delle nostre identità, sul prezzo che presentano le passioni, motore creativo per eccellenza. Si fondono nella godibilità del suo piglio popolare, nel sorprendente finale, gli intrighi e i temi cari a Balzac: mistero e seduzione, amore e morte, energia e valore dello spirito.

Molti studiosi hanno interpretato il racconto con differenti intuizioni: lo psicoanalista Roland Barthes, in un saggio del 1970, sottopose la novella a un'analisi da cui emergeva l'immagine di un testo compatto, attraversato da mille codici tesi a esorcizzare il fantasma della castrazione. Altri ne estrapolarono significati a cavallo tra antropologia, conoscenza e teoria delle arti. Nei fatti “Sarrasine” colpisce da diversi punti di vista, le sue molteplici sfaccettature stimolano domande più che dare risposte: a mio giudizio in ciò sta il fascino sempre giovane di quest’opera, che all’epoca non aveva equivalenti anche per i temi trattati.

Honoré De Balzac

Sarrasine

I classici Feltrinelli

Pag. 61

Euro 5.50

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077