Molti di noi che hanno letto nell’infanzia le fiabe dei fratelli Grimm, a sentir citare “Giovannin senza paura” ricorderanno la vicenda, elogio di quel coraggio che rende migliore la vita. Pochi sanno invece che, durante la prigionia, alcuni di questi racconti furono tradotti da Antonio Gramsci, in maniera personale, con il pensiero rivolto ai nipoti e ai suoi figli che non aveva più visto da quando avevano l’uno due anni e l’altro due mesi.

Published in Il libro

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Poesia

Io so Carmela

(dedicata a Carmela, stuprata a 12 anni, a Taranto per 4 giorni, suicidatasi due mesi dopo, il 15 aprile 2007)

Susi Ciolella - avatar Susi Ciolella

Don Chisciotte

Nei delicati riflessi di luna prenderà forma la follia disegnerà l’esile figura di un pazzo giustiziere.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

Opinioni

Musica. Guida utile per diventare ascoltatori professionisti

Partecipando al fenomeno delle reti umane è inevitabile trovarsi spesso legati a certi nodi voluti con forza dalla condivisione. L’abbraccio emotivo con gli individui sparsi per il mondo è indubbiamente...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Il giro dell'oca di Erri De Luca: dialogo con il figlio mai nato

La scrittura di Erri De Luca è da sempre impregnata di vita vissuta, di immagini, di profumi e ricordi; è una tessitura fortemente autobiografica che diviene, in alcuni casi, solco...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077