Mercoledì, 19 Novembre 2014 15:33

Fazi editore. Michael Dobbs: “A chi assomiglia Renzi? Cesare, Bruto, Cassio, Marco Antonio?”

Scritto da

ROMA - L’incontro pubblico con Michael Dobbs, autore della saga sugli intrighi del potere “House of cards”, moderato da Giancarlo De Cataldo e organizzato da Fazi Editore, che l’ha pubblicato in italiano, è affollatissimo: segno che il parlar di politica, quando è fatto in modo umano, filosofico e senza sconti - diversamente da quel che accade con gli eletti dal popolo – interessa molto.

I romanzi di Michael Dobbs, ex capo dello staff di Margaret Thatcher, hanno dato origine a uno dei più straordinari successi televisivi, una serie sia inglese sia americana, con omonimo titolo.   Dobbs racconta che, dopo aver visto una foto di Matteo Renzi che acquistava un suo libro, gliene abbia inviato copia autografata, accompagnata da un biglietto in cui diceva come non fosse un manuale d’istruzioni su come ottenere il potere, senza alcuna etica.

Racconta che il suo best-seller vide la luce grazie a un litigio con Margaret Thatcher, che lo cacciò mettendo fine a ogni illusione di carriera. Andato in vacanza con la moglie, Dobbs leggeva un libro bruttissimo e molto venduto, lamentandosi con lei su come girasse il mondo. La moglie lo redarguì e lo invitò a scrivere lui stesso. Dobbs si accinse a farlo con una bottiglia di vino accanto ma, quando fu scolata, sulla pagina non c’erano che le iniziali di f.u. (fack you). Eppure, da quelle iniziali nacque il suo affascinante eroe Francis Urquart. Racconta che la realizzazione di “House of Cards” fu una sorta di terapia, non si aspettava né di finirlo, né di pubblicarlo: come scalare una montagna e provare, inaspettatamente, l’ebbrezza della vetta. 

Riguardo ai politici dice che gli unici a restarci male sono stati quelli che gli venivano a chiedere se per creare Frank si fosse ispirato a loro, restando poi delusi per il suo diniego. Molti l’hanno invitato a eventi, alle loro campagne elettorali, l’hanno voluto nella Camera dei Lord.  Chiarisce come ciò non sia accaduto grazie alla bellezza del suo libro ma per dimostrare quanto in loro fosse forte il senso dell’umorismo. “I migliori politici della storia “ – afferma – “non erano persone gentili, affettuose, generose, erano ossessionate, determinate a conseguire i loro obiettivi.  Ed è l'unico modo in cui in politica si possa portare a compimento qualcosa. In fondo scrivere fiction politica, non è difficile: si prende la realtà e si annacqua per renderla credibile”.

Di Obama pensa che abbia alzato troppo l’asta delle attese, per cui sarà ricordato più per quello che rappresenta che per quel che realmente ha fatto. Dice che riguardo ai fallimenti dei politici, bisogna capire che questi uomini hanno in se due forze: da una parte una fortissima ambizione e dall’altra un fortissimo stress e che, per questo, a volte hanno “sbandate” che noi non riusciamo a immaginare. Inquadra l’attuale crisi della politica al fatto che i suoi esponenti vivano in una bolla, senza rapporto con l’elettorato. La politica ha a che fare con progresso e leadership, ma anche con i suoi opposti. 

Secondo Dobbs la cosa più importante nella vita di un politico è ottenere rispetto: lo raggiunge se la sua azione è efficace, se ha la spietatezza di arrivare dove vuole. Dice di averlo imparato dalla Thatcher, che aveva un paio di stivali chiodati che lucidava. A Renzi consiglia di fare altrettanto, lucidare gli stivali e mettersi in marcia. Consiglia al primo ministro italiano di mantenere più basso possibile il profilo della sfera privata. E, infine, a chi gli chiede a quale personaggio della storia, assocerebbe Matteo Renzi, Michael Dobbs racconta di essere sempre stato affascinato da Giulio Cesare di Shakespeare e, capovolgendo a sua volta la domanda, pone il quesito: “A chi assomiglia Renzi? A Giulio Cesare, a Bruto, Cassio, Marco Antonio?”

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 70. A sorpresa vince “The square”. Tutti i premiati

CANNES -  La giuria del  Festival Internazionale del Film di Cannes  presieduta da Pedro Almodovar e composta da Maren Ade, Jessica Chastain, Fan Bingbing, Agnès Jaoui, Park Chan-wood, Will Smith, Paolo Sorrentino, Gabriel...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Il quarto livello delle mafie

Dopo il  fallito attentato dell’ Addaura del 21 giugno 1989, Giovanni Falcone affermò testualmente: "Ci troviamo di fronte a menti raffinatissime che tentano di orientare certe azioni della mafia. Esistono...

Vincenzo Musacchio - avatar Vincenzo Musacchio

Negli “Esercizi di memoria” scopriamo chi ispirò Montalbano a Camilleri e molto …

Pirandello era fascista o antifascista? Dipende dai punti di vista.  Quando, nel dicembre 1936 morì nella sua casa romana, le ceneri vennero raccolte in un’anfora greca e depositata al cimitero...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

ArtVerona. Adriana Polveroni, passione alla direzione

Alle porte dell’apertura di ArtVerona, fiera di arte contemporanea, abbiamo incontrato la neodirettrice

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208