Martedì, 17 Novembre 2015 13:42

AS festival. I premi del 2015

Scritto da

Un Festival uguale agli altri, però diverso! Realizzato con la partecipazione attiva di giovani nella condizione autisticaeSindrome di Asperger

ROMA - Si è conclusa a Roma, la terza edizione dell'As Film Festival, festival internazionale di cinema ed arti visive diretto da Giuseppe Cacace, curato dall'associazione Not Equal e realizzato con la partecipazione attiva di giovani nella condizione autistica e Sindrome di Asperger, che si è tenuto a ingresso gratuito presso il MAXXI Museo Nazionale delle arti del XXI secolo il 14 e il 15 novembre. Due giorni fitti di proiezioni, incontri, performance teatrali, letture, con ospiti l'attrice e regista Valentina Carnelutti e l'attore e musicista Stefano Fresi. In programma un doppio omaggio allo scrittore Oliver Sacks, ma anche la performance teatrale Emoticons!, di Paolo Manganiello e Chiara Palumbo, che ha visto in scena 15 giovani attori nella condizione autistica. Premiati corti provenienti da Italia, USA, Cuba, ma anche Iran, Grecia e Spagna.

Ecco i premi finali della terza edizione dell'As Film Festival e relative motivazioni:

Sezione Punti di Vista

Premio Miglior Corto Italiano

Bellissima di Alessandro Capitani

Per la semplicità, la freschezza e il modo diretto con il quale affronta temi importanti come la differenza tra essere e apparire, bellezza interiore ed esteriore, stereotipi di genere e aspettative personali narrati con grande attenzione alla messa in scena e alla scelta degli interpreti. E perché una favola può essere raccontata anche attraverso una storia reale.

Sezione Punti di Vista

Menzione Speciale Corto Italiano

La sedia di cartone di Marco Zuin

Toccante e colorato documentario di narrazione che partendo dal reale riesce a costruire una storia esemplare di cura e inclusione.

Premio Confronti - Il Cinema come rappresentazione del sociale

Namnala di Nacho Solana (Spagna)

Per la sua capacità di indagare nel sentimento umano. Forte è il richiamo al ruolo della memoria, senza dimenticarsi il progresso che oggi impone la sua velocità e ci indica la nostra inutilità. Emerge l’idea della società di oggi, dell'usa e getta, un materialismo che ha preso il sopravvento sul custodire e prendersi cura. L’attaccamento ai vecchi elettrodomestici di quei clienti, che ancora entrano nella vecchia bottega dell’“artigiano” sfiduciato, traccia un solco per una via d’uscita. Un allarme velato ci ricorda la nostra precarietà e quella della nostra memoria ormai “digitale” che stiamo archiviando e rischiamo di perdere. Nel gioco delle parti e dei soggetti emerge che solamente l’uomo, se vuole, può salvare sé stesso e la propria memoria per ritrovare fiducia oltre i pregiudizi e le paure narrate nelle nenie infantili. E poi c’è l’attuale dimensione del viaggio, la fuga per la salvezza, con la propria vita custodita in un “vecchio cofanetto” (la telecamera) grazie al quale, con l'aiuto di un altro uomo, con-dividere il perduto amore. Garbatamente, senza abusare di strategie d’effetto e con tanta umiltà il corto indaga nel dolore umano e nella fatica del vivere. Tutto, nell'armonia delle poche note sapientemente utilizzate, indica la strada per quell’umanità che pensavamo perduta. L’empatia è la via maestra.

Sezione Punti di Vista

Premio Best International Short

Younaisy di Juan Pablo Daranas Molina (Cuba)

Sezione Punti di Vista

Menzione Speciale International Short

Single room di Saman Namnik (Iran)

Sezione Ragionevolmente differenti

Premio Speciale del Cineclub dei ragazzi Asperger

Circles di Jesse Cramer e Micah Levin (USA)

Knightmares di Nicholas Michael Holmes (USA)

The routine di Dimitris Andjus (Grecia)

“Due giorni intensi - dichiara il direttore artistico e fondatore Giuseppe Cacace - pieni di cinema, di ospiti, di emozioni, con il pensiero ai fatti di Parigi che hanno colpito al cuore tutto lo staff e il pubblico del festival, aperto per la prima volta ad autori internazionali, a voler evidenziare l'universalità del cinema ed il suo contribuito, in ogni dove, nella formazione di una cultura dell'autismo e degli autismi. ASFF 2015 è stato il punto di incontro tra cinematografie diverse per provenienza e cultura, tra pensiero neurotipico e neurodiverso e, se nella forma, è risultato più completo ed articolato delle edizioni precendenti, l'idea che lo ispira è sempre la stessa, ovvero che, l'integrazione sociale, il dialogo, la conoscenza, sono elementi fondamentali per accettare ed accogliere le diversità. I corti vincitori di ASFF 2015 rispondono esattamente a questa visione”.

As Film Festival è un progetto ideato e realizzato da Not Equal con la collaborazione di Fondazione Maxxi e Confronti, sotto l'Alto Patrocinio del Parlamento Europeo, con il patrocinio e il contributo del Mibact - Ministero per i beni e le attività culturali e il turismo, dell'Ang - Agenzia nazionale per i Giovani, della Ficc -Federazione italiana circoli del cinema e del Gruppo Asperger onlus. Media Partner: Rai

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

WEB_300X300.jpg

Festival di Cannes

Cannes 71. Cate Blachett: “Quale Presidente di giuria non posso che sentirmi umi…

CANNES - L’attrice australiana Cate Blanchett presiederà la 71ma edizione del festival di Cannes che cadrà nel maggio 2018. “Torno a Cannes dopo anni come attrice e produttrice, per le...

Redazione - avatar Redazione

Opinioni

Coaching: cosa è e a chi è utile

Liberare le potenzialità di una persona perché riesca a portare al massimo il suo rendimento; aiutarla ad apprendere piuttosto che limitarsi ad impartirle insegnamenti. ( Whitmore, 2006 ) 

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

Garrincha e Audrey Hepburn: il giorno in cui morì la bellezza

Per una di quelle strane coincidenze della vita, a dieci anni l'uno dall'altra, ci hanno detto addio Garrincha, funambolo brasiliano così chiamato in quanto i suoi passi in campo somigliavano...

Roberto Bertoni - avatar Roberto Bertoni

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077