Martedì, 07 Marzo 2017 19:10

“L’arringa di un pazzo” di August Strindberg. Recensione

Scritto da

La scelta di recensire “L’arringa di un pazzo”, romanzo di August Strindberg, autore geniale e misogino, nella ricorrenza dell’8 marzo, non è provocatoria né premeditata.  Quanto più una persona è libera, tanto meno cede al pregiudizio, cosa che vale per ogni donna.

Perciò credo non si debba aver paura di chiamare i fatti con il loro nome: August Strindberg, con questo testo  scritto tra il 1886 e il 1887, a causa del quale subì un processo per oscenità, ha lasciato una delle testimonianze letterarie più approfondite, veritiere e sconvolgenti del rapporto tra i sessi quale duello per la supremazia.

Una volta iniziato “L’arringa di un pazzo” magnetizza. Se da una parte è la testimonianza di una mente disturbata, dall’altra riproduce anche una normalità nella quale ci si può identificare. Strindberg racconta dell’innamoramento che cambia la vita, la passione conflittuale che lega un uomo e una donna, l’inferno matrimoniale quale naturale conseguenza. Un magma del profondo tumultuoso e dirompente dipinto con ossessioni, gelosie nevrotiche, collante di una relazione che schiavizza.

 L’opera è la composizione di un grande artista, oltre che confessione “impudica”, anche se non la si può considerare strettamente autobiografica perché è risaputo che la sua prima moglie, l’aspirante attrice Siri von Essen della quale Strindberg ci racconta, non era dissoluta come risulta dal ritratto deformato dello scrittore. Alcuni psichiatri, ad esempio, si sono spinti a dire che l’omosessualità attribuita a Siri, potesse essere quella dell’autore stesso.

Siri von Essen, prima moglie del barone Wrangel, divenne amante di August Strindberg e, una volta divorziata, lo sposò nel 1877. I due si separarono nel 1891. Studiosi, psicoanalisti, hanno letto nel libro del genio svedese molti contenuti patologici, ma essi sono affascinanti nei momenti in cui illuminano la cosiddetta “normalità”. Anche la misoginia proclamata può essere accostata a una più generale cultura misogina, riscontrabile nel nostro quotidiano, utile a capirsi. Un romanzo-verità disturbante, estremo, sincero, che ci attrae e nello stesso tempo ci costringe tutti, uomini e donne, a guardarci dentro.

August Strindberg

L’arringa di un pazzo

Adelphi editore novembre 2016

Pagine 287

Euro 19.00

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. In giuria prevalgono le Marianne

Al pubblico che si appassiona ai film in concorso non importa molto della giuria che li sceglie, ma è significativo che quest’anno al festival del cinema di Cannes, che si...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Opinioni

Il corpo parla e può anche tradirci

Dal fondo della piazza non era possibile vedere bene la faccia di Mussolini affacciato al balcone di piazza Venezia durante le adunate oceaniche organizzate dal regime. Ma nei cinegiornali dell’epoca...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Così il cinema italiano ha raccontato l’Italia

Più di un  secolo di storia nazionale  in dodici indimenticabili  film  d’autore  Negli ultimi cento anni, il rapporto degli italiani con la politica, salvo lodevoli eccezioni come la guerra partigiana...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077