Lunedì, 20 Marzo 2017 17:48

“L’avversario”: Emmanuel Carrére magnetizza. Recensione

Scritto da

Ne L’avversario, Emmanuel Carrère ricostruisce la storia, realmente accaduta, di Jean - Claude Romand, un uomo che nel 1993 tenta il suicidio dopo aver brutalmente ucciso la moglie, i due figli e i suoi genitori. Le indagini rivelano che Romand, che si era da sempre dichiarato laureato in medicina e medico all’Oms, è un impostore.

Ogni aspetto della sua vita è una menzogna, un’insostenibile impalcatura creata per sostenere la finzione. Un giorno questa messa in scena, spacciata per diciassette anni, crolla e Romand  con lei. La morte è la condanna inflitta a chi non deve assistere alla fine di questa recita, dietro la quale non esiste nulla. Il libro è l’affascinante tentativo di Carrère di dare un senso, con il piglio trascinante del grande scrittore, a ciò che appare inspiegabile. Carrére stesso, interagendo con il protagonista, diviene personaggio. Jean Claude Romand, il criminale, è un uomo gentile, o almeno così appare, che tutti i giorni supera il confine francese per recarsi in Svizzera dove passa il tempo a camminare nei boschi, sosta nella reception del palazzo dell’OMS a Ginevra dove dice di essere impegnato come medico, quando invece non fa nulla. Romand vive sfruttando i risparmi che si fa dare dai suoi fingendo di investirli negli ambienti giusti. Fino all’epilogo atroce, assurdo.

Il fatto ai primi degli anni ’90 ha scosso la Francia, al punto che sul caso sono stati girati un paio di film. Ma anche a distanza di decenni questa storia incredibile scuote, tanto più in un momento in cui, grazie al proliferare dei rapporti virtuali, l’abitudine di fingersi ciò che non si è, dilaga. Il caso Romand, senza giungere alle estreme conseguenze, richiama alla mente molti individui simili, anche se quasi mai la menzogna raggiunge tali livelli di follia. “L’avversario “ è la cronaca di una psicosi, il dramma di un uomo che non riesce a darsi un’identità propria, un individuo che vive di apparenza. Ma qui sta il punto dolens che ci riporta all’inconscio collettivo: quante persone vivono d’immagine senza interiormente “essere” quello che dichiarano? Certo la straordinarietà del caso è un’eccezione ma, come si suol dire, conferma la regola. In tutto ciò Carrère, da maestro, porta a lievitazione con grande suspense un problema che tocca nel profondo il mistero della nostra identità. 

L' avversario

Emmanuel Carrère

Traduttore: E. Vicari Fabris

Editore: Adelphi

Collana: Fabula

Anno edizione: 2017

Pagine: 169 p. , Brossura

Bruna Alasia

Giornalista e scrittrice

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

Festival di Cannes

Cannes 71. “Grans” vince “Un certain regard”, la recensione. I premiati

CANNES (nostro inviato) -  Grans o anche Border, ovvero Confine, opera seconda dell’iraniano Ali Abbasi, ha vinto il premio quale miglior film nella sezione parallela “Un certain regard”. 

Bruna Alasia - avatar Bruna Alasia

Opinioni

Dopo un 2016 deludente, il 2017 restituisce un quadro incoraggiante per l’indust…

La ripresa si è finalmente fatta strada e l’Italia – terzo produttore europeo – cresce ad un buon ritmo (+2,6% stimato per la chiusura dell’anno).  Il miglioramento emerge su più...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La chimica che respiri e il rischio cancerogeno

L’atmosfera urbana è caratterizzata dalla presenza di un insieme vasto ed eterogeneo, da un punto di vista chimico-fisico, di particelle aerodisperse di dimensioni comprese tra 0,005 e 100 μm, costituite...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Speech Art

Quattro voci e una Biennale. Speciale Speech Art Venezia

Quasi alla fine dell’ultima edizione della Biennale di Venezia, raccogliamo le idee e tentiamo di rispondere a un quesito fondamentale che ci sale alla mente, proprio a partire dalle parole...

   Federica La Paglia   - avatar Federica La Paglia

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077