Giovedì, 25 Settembre 2014 11:55

Musica. Mario Biondi, il re del soul

Scritto da

Nel 2004 esce il singolo “this is what you are” che segna la sua affermazione internazionale

“Sono sempre una figura un po' marginale 

e difficile da inquadrare: sono italiano 

ma canto in inglese, non sono sempre in televisione, 

non faccio i programmi classici”

(Mario Biondi)

Un ‘americano’ in Sicilia

Mario Biondi (Classe 1971) è un personaggio ‘curioso’ e atipico. Innazitutto è una delle realtà più interessanti e innovative del panorama italiano degli ultimi dieci anni. Innovatore per aver coniugato il soul e il jazz e tradizionale per aver proseguito la lezione di Ray Charles e Barry White. Curioso perché, pur essendo siciliano, la sua musica è profondamente influenzata dal rhythm and blues afroamericano; atipico perché un catanese come lui ha scelto di vivere a Parma, lontano dal suo amatissimo mare. Ecco come ’spiega’ ironicamente alcune sue ‘contraddizioni’: “Il fatto è che da bambino sono cresciuto a Reggio Emilia, dai due ai dodici anni, poi mi sono spostato a Catania. Il classico andirivieni del terrone”. Dopo una lunga gavetta in cui canta con Ray Charles e poi alla ‘corte’ di Gianni Bella, diventa improvvisamente popolare prima all’estero e poi in Italia con il singolo “This is what you are”. Il pubblico nostrano rimane particolarmente colpito dalla calda timbrica della sua voce roca e dolce. Inoltre nessuno come lui in Italia suonava e cantava così bene il genere swing con sfumature jazz molto vicine alla grande tradizione americana del leggendario Frank Sinatra. Sulla scia del grande successo di “This is what you are” (2004), Mario Biondi incide il suo primo album solista nel 2006.

“Handful of soul”, un successo immediato

Per il debutto discografico dopo l’improvvisa e inaspettata notorietà internazionale, Mario Biondi capisce di dover fare le cose con calma e nel miglior modo possibile. La stampa specializzata lo ‘bracca’ come se fosse un ‘corpo estraneo’ nel panorama musicale italiano. Un passo falso sarebbe fatale. Per il disco Biondi recluta una vera e propria super band composta da Luca Mannutza al pianoforte, Fabrizio Bosso alla tromba e flicorno, Daniele Scannapico al sax tenore, Pietro Ciancaglini al contrabbasso, Lorenzo Tucci alla batteria, Sandro De Bellis alle percussioni e Gianluca Petrella al trombone. Mario Biondi incide 12 canzoni che illustrano il suo universo musicale composto da jazz, swing, rhythm and blues e soprattutto il soul, l’aspetto che ama di più grazie ai suoi punti di riferimenti: Ray Charles, Stevie Wonder e Barry White. I brani proposti da Biondi sono pieni di energia, classe e brillanti momenti solistici dei suoi eccellenti musicisti. Su tutto spicca ovviamente la sua voce, davvero originale nel panorama italiano. Un vero e proprio strumento solista che Biondi modula alla perfezione sia sul registro grave che sugli acuti. “Handful of soul” è sicuramente uno degli album più interessanti e creativi degli ultimi dieci, una ventata di grande novità musicale che conquista immediatamente il mercato italiano.

L’album di Mario Biondi, pubblicato il 27 maggio del 2006, dopo appena tre mesi conquista ben due dischi di platino. La carriera di del cantante di Catania può finalmente decollare trionfo dopo trionfo. A proposito dell’improvvisa fama internazionale Mario Biondi la prende con molta filosofia:  “Diciamo che non mi ha mai molto affascinato, a dire la verità”.

 

 

Testo della canzone “This is what you are”:

“Mi porti su e poi mi fai scendere 

mi stringi quando sono triste 

mi fai guardare intorno 

mi fai ascoltare le stelle 

questo è quel che sei 

mi sfinisci e poi mi fai perdere i sensi 

mi fai sentire timido 

ma quando mi stringi tra le tue braccia 

riesco a dimenticare le lacrime che ho pianto 

questo è quel che sei 

scrivi il tuo numero sul mio muro 

dimmi cosa devi fare 

nuvola? la tua ombra sulla mia anima 

c'è anche quando spezzi in due il mio cuore 

questo è quel che sei, questo è quel che sei 

 

mi porti su e poi mi fai scendere 

mi stringi quando sono triste 

mi fai guardare intorno 

mi fai ascoltare le stelle 

questo è quel che sei 

mi sfinisci e poi mi fai perdere i sensi 

mi fai sentire timido 

ma quando mi stringi tra le tue braccia 

riesco a dimenticare le lacrime che ho pianto 

questo è quel che sei 

questo è quel che sei 

questo è quel che sei”

Correlati

Cerca nel sito

300X300-MICHELANGELO - artemagazine.jpg

LAB.jpg

ITC.jpg

Opinioni

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni …

“Ti ho visto negli occhi”. Il rapimento di Anna Bulgari e Giorgio Calissoni in un docu-crime di denuncia

Un racconto dettagliato di eccezionale impatto emotivo  rivissuto  dai suoi protagonisti  

Elisabetta Castiglioni - avatar Elisabetta Castiglioni

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

Cinghiali in città. Intervista allo zoologo Luca Giardini

ROMA – I recenti dibattiti apparsi sui media e social-media per la soppressione di alcuni cinghiali avvenuta quasi nel cuore di Roma, hanno riacceso l’attenzione sulla coesistenza tra uomo e...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]