Martedì, 10 Marzo 2015 10:37

Musica. Battiato trionfa in Europa

Scritto da

Prosegue la tournèe del musicista siciliano a Londra e a Parigi. Il compositore critico con l’Italia: “Non è possibile cambiarla”

Il suo ultimo album ha avuto un grande consenso. Anche nel vecchio continente la sua opera è molto apprezzata. Franco Battiato si è esibito ieri a Londra con un grande successo di pubblico e di critica. Il compositore catanese non è stato tenero con il nostro Paese: “Non è possibile cambiarla”. Ieri sera il cantautore siciliano ha suonato nel prestigioso locale “Scala” della capitale britannica con il suo Joe Patti's Experimental Group.

“Un ritorno -spiega all'Agi- che e' anche un modo per ricordare quegli anni in cui sono venuto qui a studiare inglese in una full immersion” e per ammirare quei tantissimi italiani, spesso laureati, che qui sono in grado di fare i camerieri pur di non vivere in una gabbia. Ne ho visto tanti, anche oggi”. L’artista ha voluto presentare nella capitale britannica, grazie all'agenzia “TIJ Events”, il suo ultimo lavoro pubblicato nel settembre dello scorso anno, una sopraffina fusione di linguaggi: l’elettronica e la spiritualità. Battiato, insieme al suo fidato ingegnere del suono Pino Pischetola, ha composto un album prendendo spunto dal suo vario e lungo viaggio sperimentale e con approccio innovativo ha compiuto un itinerario tra rivisitazioni storiche e nuove composizioni. Sul palco, al pianoforte, nel concerto a Londra, anche Carlo Guaitoli e ad accompagnare il progetto il video a “Proprietà Proibita” a straordinaria rivisitazione del celebre brano contenuto nell’album “Clic” , un capolavoro pubblicato nel 1974.

Stasera il compositore si è esibisce a Parigi. “Questo lavoro sta avendo un grandissimo successo e anche in Giappone se ne stanno interessando”, ha aggiunto, sottolineando che “Lucio Dalla mi diceva spesso 'tu ti fai inseguire dal pubblico, io invece lo inseguo continuamente”, un ricordo teso a rimarcare l'aspetto spirituale e intimista della sua ultima opera. Poi la memoria lo riporta al compianto Giorgio Gaber, “il mio primo produttore, un uomo eccezionale e un grandissimo ascoltatore”, la memoria degli anni in cui la sua musica faceva da ponte fra un Occidente e un mondo arabo che ora sembrano sempre più lontani. E oggi servirebbe di nuovo questo ponte, ha ammesso parlando della “necessità di spiritualità” il maestro. Con una certezza amara: “Oggi non tornerei più a fare politica, sono stato ingenuo. Non è possibile cambiare questa Italia. Ma non sono disilluso: io vado avanti come un treno”.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Arte. Il “Cencio” di Milo Manara e la Madre di Dio sotto il cielo di Siena

SIENA - Il grande filosofo Friedrich Nietzsche sosteneva che ogni verità è curva e Milo Manara l'artista che ha dipinto il Palio dedicato alla Madonna Assunta in cielo del 16...

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]