NAPOLI - Proteste a Napoli e provincia per vertenze legate al mondo del lavoro. Tra Pomigliano, Nola e Napoli, a manifestare sono i lavoratori dei siti produttivi di Alenia, contrari alla cessione di quello di Capodichino, che ha in organico 200 unita', all'Atitech. Picchetti sono stati organizzati davanti ai cancelli.

Published in Lavoro

Performance e idee sul diritto al cibo per un evento gratuito con Tristram Stuart e Giobbe Covatta

Published in Società

Il celebre cantautore morto il 5 gennaio scorso sarà ancora ricordato dalla sua città

Published in L'angolo dei classici

ROMA – La 18^ di campionato poteva diventare uno spartiacque e in parte lo è stato.  Il gap tra Juve e Roma è aumentato e ora i punti di distacco sono 3. La Roma si è fermata sul 2-2 nel derby con la Lazio, mentre la Juve ha espugnato il San Paolo battendo il Napoli per 3-1, vendicandosi della sconfitta patita nella finale di SuperCoppa proprio contro i partenopei.

Certo, sono solo 3 punti ma potrebbero essere fondamentali ai fini dello scudetto. 

IL DERBY – Nel derby, la Lazio di Pioli ha dato il meglio di sé nei primi 45 minuti, con la coppia Anderson-Mauri devastante, per poi concedere il fianco all’avversario nella seconda frazione dove è stata raggiunta due volte dall’inossidabile Totti, autore di una doppietta sempre più storica. 

Punto guadagnato o due persi per Garcia? Vista la gara, forse, è un punto guadagnato che permette ai giallorossi di limitare i danni che da un derby possono sempre scaturire. 

NAPOLI-JUVE – Un distacco colmabile anche perché la Juve vista ieri sera non è sembrata poi così tanto irresistibile. La vittoria dei bianconeri è sì arrivata, ma forse più per demerito degli uomini di Benitez che per altro. E anche per episodi fortunati, come il gol di Caceres in fuorigioco, anche se di poco, e di un colpo da biliardo di Pogba che quando vede il Napoli, evidentemente, viene ispirato realizzando reti memorabili. 

Allegri dovrà sicuramente continuare a lavorare, soprattutto in avanti dove il reparto offensivo appare spesso scollegato tra gli uomini che lo compongono.

LE MILANESI – Tra le pretendenti al terzo posto c’è da riflettere sulla situazione delle milanesi.  In casa Milan, si respira un’aria pesante: dopo la vittoria, nell’amichevole prestigiosa contro il Real Madrid durante la sosta natalizia, i rossoneri avevano alzato la cresta (compresa quella di El Shaarawy) ma la sconfitta casalinga contro il Sassuolo e il pari di sabato con il Torino (che ha letteralmente dominato il match), hanno drasticamente ridimensionato i sogni milanisti. Inzaghi traballa, oltre che per i risultati, anche per le sue scelte tecniche, molto discutibili.

Diversamente, in casa Inter, c’è aria di novità e di svolta. Questo inevitabilmente grazie a Roberto Mancini che evidentemente è riuscito a portare ottimismo e idee chiare per il futuro nerazzurro. Si inizia a vedere un po’ di squadra e soprattutto di risultati. Vittorie che dovranno continuare ad arrivare, come quella di ieri sul Genoa per 3-1, per sperare nel terzo posto. L’ingresso in Champions porterebbe moneta sonante nelle casse dell’Inter, soldi che servirebbero a ripianare gli sforzi di mercato di gennaio dovuti agli acquisti di Podolski e di Shaqiri. 

Published in Calcio

Il cantautore napoletano è stato stroncato da un infarto a soli 59 anni

Published in L'angolo dei classici
Mercoledì, 03 Dicembre 2014 01:00

Il tesoro nascosto di Napoli

NAPOLI -Passeggiando nei vicoli di Napoli, basta girare un angolo per scovare un tesoro nascosto. Nell’anno in cui il leit motiv del sentimento comune è La Bellezza, non si può non partire, per trovarla, dalla ricerca di capolavori spesso dimenticati, che il più delle volte sfioriamo senza accorgercene.

Published in Cultura

Il leader dei metalmeccanici: “"Da solo Renzi non cambia il paese, ma risponde solo ai poteri forti"

Published in Lavoro

ROMA - Questa sera si gioca la 9^ giornata di campionato, turno infrasettimanale della serie A.

Published in Calcio

ROMA - La Juve si blocca e la Roma si porta a un punto. Totti ancora a segno

Published in Calcio

 

ROMA - Una vittoria a testa per Juventus e Roma che condividono il primo posto in classifica a punteggio pieno: 4 gare, 4 vittorie 12 punti.


 Come l'anno scorso, bianconeri e giallorossi si contendono il primo posto lasciando alle loro spalle un vuoto che per il momento è di 4 punti. Al terzo posto troviamo l'Inter, ieri vincitrice per 2-0 contro l'Atalanta, la Sampdoria (2-1 sul Chievo) e il Verona (rocambolesco 2-2 con il Genoa).

CONFRONTO JUVE-ROMA - La squadra di Allegri passeggia contro il Cesena e  sotto gli occhi del pubblico di casa regala una prestazione da prima della classe rifilando un netto 3-0 ai romagnoli. In grande spolvero Vidal, autore di una doppietta e sigillo nel finale di Lichtsteiner. Tutto fila liscio, anzi, meglio del ruolino di marcia della Juve di Conte dello scorso anno che dopo 4 giornate faceva registrare solo 8 punti, con due vittorie e due pareggi. 

La Roma invece è perfettamente in linea con l'andamento dello scorso anno, con lo stesso punteggio (pieno) in classifica dopo le prime 4 giornate. Ieri, però, c'è voluta una punizione super di Pjanic per battere il Parma che, dopo il vantaggio giallorosso di Ljajic, aveva trovato il gol del pareggio di De Ceglie. Pareggio che durava fino all'88° minuto quando il ventiquattrenne bosniaco trovava l'angolo giusto su calcio piazzato che valeva il 2-1 finale.

LE INSEGUITRICI - L'Inter sale in classifica grazie al successo casalingo contro l'Atalanta che per quattro anni è stata la bestia nera della Beneamata. Inerazzurri sorridono con lo splendido gol in semirovesciata di Osvaldo (subentrato all'infortunato Icardi) e per la grande punizione calciata dal "profeta" Hernanes che chiude la gara sul 2-0. Bene la difesa interista che in 4 gare ha subito un solo gol (quello con il Palermo) e bene anche il reparto offensivo che sale a 10 reti realizzate.  In compagnia della squadra di Mazzarri troviamo in classifica anche Sampdoria e Verona. La prima ieri è arrivata alla vittoria grazie ad un gol sul finale del primo tempo di Guastaldello e uno all'80' di Romagnoli. Non è valso a niente il gol di Paoloschi all'ultimo minuto se non per la bandiera. Il Verona, invece, recupera un risultato che lo vedeva fortemente penalizzato. Sotto di due gol (doppietta di Matri), riesce ad acciuffare un pareggio con il Genoa grazie ai gol di Tachtsidis e Ionita.

NAPOLI, E' QUASI CRISI - Se non è crisi, quasi ci manca. Ancora un passo falso per Benitez e i suoi uomini. Ieri un altro pareggio, in casa, contro il Palermo. Gli azzurri riescono a segnare tre reti ma ne prendono altrettanti. Qualcosa non va, ovviamente, soprattutto nella fase difensiva che forse il tecnico spagnolo proprio non riesce a far girare a dovere. L'anno scorso, alla 4^ giornata, era a punteggio pieno con quattro vittorie. Campagna acquisti da rivedere? Forse.

IL POSTICIPO LAZIO-UDINESE - Questa sera all'Olimpico di Roma si gioca l'ultima partita della 4^ giornata. I biancocelesti sono chiamati a riscattare un inizio di campionato che non si addice alle premesse paventate nel precampionato. Una sola vittoria e due sconfitte per soli 3 punti in classifica. Stasera si rivedranno dal primo minuto Marchetti e Ledesma mentre in avanti ancora panchina per Klose, con Djordevjc terminale offensivo. L'Udinese di Stramaccioni (due vittorie e una sconfitta) si presenterà con Muriel preferito a Di Natale, pronto ad entrare se le cose si dovessero mettere male.

 

 

Published in Calcio

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Andrea Camilleri, “contastorie” per sempre

Andrea Camilleri se ne è andato, a 94 anni,  mentre un suo racconto, l’ennesimo, era appena uscito in libreria e mentre si era appena spenta l’eco televisiva dell’ottava replica del...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Leggere i dati sull’economia. La storia dell’ESM raccontata dall’interno. Sovran…

Pochi giorni fa è stato diffuso dall’ESM, uno degli enti che è stato protagonista assoluto della storia economica contemporanea, un libro che ripercorre quanto avvenuto negli ultimi anni. Safeguarding the euro...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]