Menu

Articoli filtrati per data: Venerdì, 12 Dicembre 2014

Venezia. Mose, indagati Zoggia e Mognato del Pd

  • Pubblicato in Cronaca

VENEZIA - Michele Mognato e Davide Zoggia, deputati del Pd, sono indagati nell'ambito dell'inchiesta Mose per finanziamento illecito dei partiti in relazione ai contributi che l'ex presidente del Consorzio Venezia Nuova avrebbe versato all'ex sindaco Giorgio Orsoni per la campagna elettorale nel 2010.

Leggi tutto...

Nozze gay. Elton John sposerà David Furnish il 21 dicembre

  • Pubblicato in Gossip

LONDRA - Il 21 dicembre è un giorno molto speciale per il cantante Elton John e il suo partner David Furnish. Nel 2005 sono stati tra i primi a formare una unione civile dello stesso sesso e nella stessa data, fra pochi giorni, si sposeranno grazie alla legge che ha introdotto nel Regno Unito i matrimoni gay. 

Leggi tutto...

Sciopero. A Torino, precari e studenti protestano al buio

TORINO - Hanno aspettato che calasse il buio per scendere in strada e protestare contro le scelte del governo Renzi. Disoccupati, precari, studenti, giovani con la partita Iva, un corteo alternativo organizzato da Officine Corsare e Studenti indipendenti per concludere lo sciopero generale promosso da Cgil e Uil.

Leggi tutto...

Renzi, basta favole. Il governo ora colmi le distanze tra promesse e realtà

ROMA - Se ci avessero dato ascolto oggi il paese non sarebbe in queste condizioni. Dare impulso alla crescita, far ripartire settori anticiclici come le costruzioni, innovare per attrarre investimenti, rendere il welfare più efficiente ed inclusivo, intervenire per ridurre le diseguaglianze, dare un futuro ai giovani, dare sicurezza alle nostre case ed efficienza ai nostri sistemi urbani, aggredire i mali del paese, cioè irregolarità, evasione fiscale, corruzione  e mafie: queste erano le nostre richieste, queste sono state le promesse del premier, promesse scritte sulla sabbia, spot ripetuti a telecamere accese. 

Leggi tutto...

L’amore bugiardo. Le carte coperte del destino. Recensione. Trailer

ROMA - Nick Dunne (Ben Affleck) e la moglie Amy (Rosamund Pike) sono al quinto anniversario di matrimonio, con alle spalle una storia d’amore meravigliosa messa a dura prova dalle difficoltà della vita. La crisi economica ha distrutto i loro successi e li ha resi disoccupati, la madre di lui è morta e sono stati costretti a trasferirsi da New York a una noiosa provincia del Missouri. Il motore delle loro vite, però, è sempre rimasto l’amore che provano l’uno per l’altra. Eppure, esattamente a cinque anni di distanza dalle loro nozze, Amy scompare improvvisamente. Nick chiede aiuto alla polizia, e in breve diventa il primo sospettato per l’omicidio della moglie. Del resto, la narrazione è intervallata da parentesi tratte dal diario di Amy, in cui scopriamo che la coppia, in apparenza unita e felice, non lo era poi così tanto, e le violenze domestiche non erano mancate. Nick, però, continua a dichiararsi innocente e il cadavere della moglie, in effetti, non si trova.

Qualcuno ha detto che la vita di ogni persona è come una partita a carte: il proprio destino si costruisce giocando su cose che si sanno, e soprattutto su segreti custoditi da altri. Se questo è vero, la ricetta per un buon thriller passa anche dal dorso di quelle carte coperte in grado di rivoltare ogni situazione quotidiana, per quanto tranquilla possa sembrare.  “Cosa è accaduto veramente?”.  A metà pellicola scopriamo che tutti i protagonisti, nessuno escluso, hanno giocato a carte coperte. Tanto basta per capire che L’amore bugiardo è costruito sul contrasto tra ciò che appare e ciò che è vero: lo spettatore si ritrova a mettere tutto in discussione, in un crescendo di tensione, generato dal progressivo svelarsi di particolari  in ombra. A complicare le cose c’è poi la morsa dei media: televisione e social network intervengono sulla vicenda, modificandola e ridefinendola, talvolta con logiche manipolatorie. 

Fincher, già regista di The social network, non risparmia una critica a questo tipo di società, senza  cadere nel banale. Quello che conta davvero, in questo film, è la verosimiglianza. Un obiettivo centrato, nonostante una storia che a tratti può apparire surreale, con qualche nodo narrativo risolto con scappatoie forse un po’ troppo sbrigative. La sceneggiatura, tratta dall’omonimo libro di Gillian Flynn e curata dalla stessa autrice, funziona in maniera eccellente e mescola con grande efficacia gli ingredienti del dramma e del thriller. Non manca nemmeno una scena splatter, un po’ improvvisa ma perfettamente coerente con il mix che si crea tra le  componenti emotive e quella visive della pellicola. Degna di nota la fotografia, pulita e ricca di dettagli: non c’è un’inquadratura fuori posto, e tutto sembra invitare lo spettatore a gustarsi ogni singolo elemento. Ma quel che più colpisce è la performance della protagonista femminile: se Ben Affleck non sfigura, è lo sguardo di Rosamund Pike a dare forma all’universo interiore di Amy lasciando intravedere sogni e incubi, rendendoli straordinariamente reali.

L’amore bugiardo

TITOLO ORIGINALE: Gone Girl

USCITA NELLE SALE: 18 dicembre 2014

GENERE: Drammatico, thriller

REGIA: David Fincher

SCENEGGIATURA: Gillian Flynn

ATTORI: Ben Affleck, Rosamund Pike, Missi Pyle, Neil Patrick Harris, Tyler Perry, Kim Dickens, Casey Wilson, Patrick Fugit, Scoot McNairy, Emily Ratajkowski, Boyd Holbrook, Lee Norris

FOTOGRAFIA: Jeff Cronenweth

MONTAGGIO: Kirk Baxter

MUSICHE: Trent Reznor, Atticus Ross

PRODUZIONE: New Regency Pictures, Pacific Standard

DISTRIBUZIONE: 20th Century Fox Italia

PAESE: USA

DURATA: 149 Min

L’amore bugiardo - Trailer

 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS
Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin 
Redazione +39 393 5048930 
Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma
P.IVA e C.F. 12082801007
tel 06.83800205 - fax 06.83800208