ROMA – Ne ha fatta di strada Don Giovanni da quando, è comparso sulla scena letteraria. Era il 1630, quando “El Burlador de Sevilla y convidado de piedra”, commedia scritta da Tirso de Molina andò in scena per la prima volta. Il protagonista, Don Juan Tenorio tombeur de femmes, è il prototipo di tutti i Don Giovanni che si sono succeduti: Molière, nel 1665 ne trasse una tragicommedia; Mozart tra il marzo e l’ottobre del 1787 compose, su libretto di Lorenzo Da Ponte, la famosa opera italiana.

Published in Cinema & Teatro

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

Poesia

La nuova alba

Interrogarsi… svegliarsi in questo permutare di eventi.

Mirella Narducci - avatar Mirella Narducci

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

L’amore ai tempi del coronavirus

L’amore ai tempi del coronavirus

L’epidemia fa bene all’amore o no? Non ci sono statistiche in materia, né esperti che ne parlino in tv, ma la domanda è legittima. E la risposta  più ovvia è:...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]