Venerdì, 27 Aprile 2012 09:18

Moda. Concorso Roberto Capucci per giovani designer

Scritto da

ROMA -  Prende il via il concorso “Roberto Capucci per i giovani designer. Oltre (a)gli abiti – Il design prende una nuova piega” promosso dall’Associazione Moda e Modi, dalla rivista online IMORE (www.imore.it) e dalla Fondazione Roberto Capucci.

L’iniziativa vuole rendere omaggio alla creatività di Capucci coinvolgendo giovani talenti del design, della moda e del mondo delle arti, nella realizzazione di creazioni ispirate all’universo immaginifico del Maestro.

L’iniziativa culminerà in una mostra intitolata “Roberto Capucci… Oltre (a)gli abiti – Il design prende una nuova piega”. Gli elaborati, selezionati e giudicati da un comitato presieduto da Roberto Capucci, saranno esposti durante il Salone del Mobile che si terrà a Milano ad aprile del 2013. Le opere dei giovani creativi saranno presentate accanto a 50 bozzetti originali, e agli 8 meravigliosi abiti scultura di Roberto Capucci, indicati dagli organizzatori come fonte di ispirazione.

I partecipanti al concorso saranno selezionati attraverso un bando rivolto a giovani designer italiani (dai 18 ai 35 anni) e agli alunni delle scuole di design del nostro paese. Saranno accolte inoltre, adesioni di designer provenienti da altri paesi. Gli iscritti avranno la possibilità di elaborare dei manufatti ispirandosi alle caratteristiche degli abiti-scultura di Capucci, con la massima libertà nell’uso dei materiali e nelle tecniche di lavorazione. È comunque richiesta, ad ogni singolo progetto, la riconoscibilità della fonte d’ispirazione. Tutte le informazioni, e il bando di partecipazione, sono disponibili sul sito  HYPERLINK "http://www.concorsocapucci.org/" www.concorsocapucci.org.

Sul sito sono pubblicate le immagini delle creazioni del Maestro Capucci, a cui i lavori dovranno ispirarsi: ‘Cerchio’, ‘Spire’, ‘Onda’, ‘Linee’, ‘Foglie’, ‘Fascia’, ‘Crepe’, ‘Corde’ mirabili esempi delle tecniche sartoriali, dell’uso magistrale del plissé, delle linee architettoniche e della sapienza nell’uso del colore, che contraddistinguono le opere di Roberto Capucci.

L’evento vuole indagare il legame fra moda e design, alla luce del confronto fra tradizione e moderne possibilità estetiche. L’esposizione diviene quindi, un’occasione d’incontro fra forme di creatività molteplici, stimolando la crescita di nuovi talenti in un continuo confronto dialettico. La mostra si rivolgerà non solo ai professionisti della moda e del design, ma anche e soprattutto, al grande pubblico.
L’iniziativa è curata dall’associazione no profit “Moda e Modi” in collaborazione con la Fondazione Roberto Capucci. L’Associazione “Moda e Modi” nasce nel 2004, allo scopo di rendere la moda oggetto di approfondimenti sociali e culturali, che vadano oltre l’evidente e mera materialità del fenomeno. Nello stesso anno nasce anche la rivista online www.imore.it che si pone come voce delle istanze dell’associazione. La Fondazione Roberto Capucci è nata nel 2005 allo scopo di conservare e promuovere la conservazione dell’opera e del metodo di lavoro di Roberto Capucci attraverso mostre, collaborazioni ed eventi. Con un archivio che annovera oltre 450 creazioni e un imponente patrimonio iconografico, la Fondazione diventa una reale piattaforma per stimolare la creatività e lo scambio fra diverse discipline artistiche. L’iniziativa gode del patrocinio del Comune di Milano, della Camera Nazionale della Moda Italiana, di Confindustria Federorafi e di Federpietre.  Sponsor: la Collina dei Ciliegi, Conti Confetteria Milano.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]