Venerdì, 08 Febbraio 2013 17:12

VI Immagine Italia. 305 brand, 9500 visitatori

Scritto da

FIRENZE - Si è conclusa con grande successo la VI edizione di “Immagine Italia”,  cancellando tutti i timori della vigilia e confermandosi  il più importante appuntamento  europeo per le collezioni di biancheria intima, tessuti per la casa e nautica, promosso e organizzato dalla Camera di Commercio di Pistoia in collaborazione con Regione Toscana,  Firenze Fiera, Toscana Promozione, Toscana D’Amare e Pistoia Promuove. 

In crescita il numero dei buyers internazionali in fiera: oltre 110 quelli selezionati ed ospitati dall’ente organizzatore.
 “Siamo molto contenti dell’esito di questa manifestazione –ha  dichiarato Antonio Brotini, Presidente di Firenze Fiera – “In questo momento di grande competitività fra i quartieri fieristici italiani, la nostra società si è fortemente impegnata, insieme  agli organizzatori, per assicurarsi la fiera a Firenze anche per le edizioni successive. E Firenze Fiera, nel 2014, ricoprirà un ruolo più incisivo e determinante nella programmazione e organizzazione di questo importante evento, vetrina dell’eccellenza del made in Italy nel mondo”.
Tra le performances più significative quelle dei buyers provenienti da Russia, Arabia Saudita, Stati Uniti. A seguire Polonia, Libano, Ucraina, Armenia, altri Paesi arabi, Kuwait, Corea del Sud, Giappone. Fra i buyers interessati al comparto biancheria-casa meritano una segnalazione i Departament Stores TSUM dalla Russia, Grand Stores da Dubai, United Star/Grandes Marques dalla Francia, Takashimaya dal Giappone, Mudo Satis dalla Turchia e Lane Craw Ford dalla Cina. Si aggiungono la catena Grande, Kant-T, Pervaya Belyevaya Companiya e Vengard dalla Russia. Nelle realtà più piccole ma di grande prestigio: Schwaebischer-Jungfrau, il più antico negozio di Vienna e Camilleri Paris Mode uno dei più bei negozi storici di Malta.
Tra le presenze interessate ad entrambi i comparti: i famosi Alshaya General Trading dal Kuwait e Halayel Boutique dall’Arabia Saudita.
Per il comparto intimo-lingerie si segnala il prestigioso Hussein Gazzaz dall’Arabia Saudita, la catena polacca di venti boutique Js Sp Zoo dalla Polonia e la società Dhow Enterprise dalla Corea del Sud. Mudo Santis Magazalari dalla Turchia, Niko International dalla Armenia, Prima Group dall’Ucrania, United Star dalla Francia. Tra i grandi negozi: Between The Sheets e Block Bros at Home dagli USA, , Sadeel Trading Company dall’Arabia Saudita e tra le catene alberghiere di forniture la Rezidor da Dubai.

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Capire l’economia. QCM attacca Bio-On. Cosa è successo?

Nei giorni scorsi la Bio-On, società bolognese operante nel settore delle bio plastiche, è stata messa nel centro del mirino da un fondo americano che l’accusa di aver mentito sui...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Anakoinosis, un principio terapeutico contro il tumore

Ce ne parla la Prof.ssa Ghibelli dell'Università di Tor Vergata. Prospettive per uno sviluppo farmacologico

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]