Sabato, 11 Maggio 2013 13:01

Televisione. E' uno di quei giorni che ...

Scritto da

Cinque avvenimenti raccontati su Rai Tre che hanno cambiato la storia, in Italia e non solo. Cinque puntate per scoprire come eravamo prima che accadessero e come siamo diventati dopo


ROMA - È uno di quei giorni che pensi, la bella e buona televisione è davvero possibile. Lo ha dimostrato ieri sera Rai Tre con la prima delle cinque puntate, in onda il venerdì in seconda serata, del programma “È uno di quei giorni che…” condotto da Federica Gentile, Massimo Bernardini, Mario Lavezzi e con la partecipazione di Antonio Di Bella. Il tris di conduttori e gli autori sono riusciti a raccontare al meglio tutti i particolari della strage di Piazza Fontana del 12 dicembre del 1969,  ma anche cosa accadeva intorno a uno degli attentati terroristici più tragici della storia italiana. Immagini e voci non corrono sul filo della nostalgia, ma rievocano con accuratezza come siamo stati e come d’altronde non siamo più, perché ci sono eventi che fanno da spartiacque, che ci cambiano per sempre e che per sempre cambiano un Paese. Attraverso le note delle canzoni che sul giradischi correvano, i film che il grande schermo proiettava, le testimonianze, i ricordi si riescono a mettere indietro le lancette dell’orologio e sei lì: nella storia, nelle storie, nelle notizie e nella cronaca, con i testimoni oculari di quegli accadimenti, senza giudizi,  tanto però da renderci spettatori partecipi. Anche se per qualcuno la data di nascita non coincide con i fatti di quel tempo. Magari non c’eri, non eri ancora nato, oppure eri troppo piccolo per quella consapevolezza che solo i ricordi può far riaffiorare. E se a quei tempi la Tv andava a letto presto, le trasmissioni notturne non c’erano, non si faceva zapping, mentre oggi il telecomando è la costante nevrotica delle nostre mani, in questa occasione invece lo si lascia volentieri sul divano. Per rivivere e anche per comprendere come solo la memoria può farci fare. Nelle prossime settimane seguiranno, ci auguriamo, sullo stesso filo :  il referendum sul Divorzio, il 12 maggio 1974; l’assassinio di John Kennedy, il 12 novembre 1963; la finale Italia – Germania ai Mondiali di calcio in Spagna, l’11 luglio 1982; il rapimento di Aldo Moro, il 16 marzo 1978.  Allora, “È uno di quei giorni che…” pensi, il servizio pubblico ha fatto il proprio dovere e vale la pena pagare il canone. Da non perdere, assolutamente.  
Su Rai Tre il venerdì alle 23.05

Per rivedere la puntata CLICCA QUI

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]