Domenica, 13 Luglio 2014 18:16

Maison Antonella Rossi. Autunno-inverno 2014-2015 nei colori del Bronzino

Scritto da

ROMA  (nostra inviata) L’ambientazione scelta dalla Maison Antonella Rossi per far sfilare la collezione autunno inverno 2014-2015 é stata davvero suggestiva: la Pinacoteca del Tesoriere nel cuore storico della capitale. Bellissime modelle, sono scivolate ondeggiando in passerella in voluttuosi mix classico/romantici, molti pizzi e sete; soprabiti geometrici e moderni, pied de poule a gogo, tagli particolarissimi, sotto gli occhi rapiti dei vip, tra i quali la bella Maria Monsé.

“Perché le radici sono importanti” è la frase tratta dal fim, premio Oscar, di Paolo Sorrentino, che riassume lo spirito del lavoro della maison Antonella Rossi, diretta dalla giovane Giulia Mori: un omaggio alle radici toscane della famiglia e dell’azienda manifatturiera, oggi firma internazionale, che si è ispirata alle vesti ritratte dal Bronzino, tra i più mirabili pittori del manierismo Fiorentino, fusi con capi classici nello stile anni ’50.

“Un’opera d’arte deve sempre raccontare qualcosa – spiega la direttrice Giulia Mori – sia che si tratti di un quadro, di una canzone, di un capo d’alta moda. Mi hanno ispirato in particolare del Bronzino i ritratti di Eleonora di Toledo. Attraverso l’artista fiorentino del ‘500 i colori, i capi,  gli accessori parlavano”. E questo fascino è stato davvero riprodotto a Roma nella sfilata del dodici luglio.

Un abito da sposa, elegantissimo, raffinatissimo, con una scollatura profondissima, originale e supersexy, è stato il trionfo finale. La fioritura in chiusura delle modelle disposte lungo la scala,  giardino di colori sapientemente utilizzati su tessuti carichi di personalità, sobri, mai eccessivi, come è la vera eleganza, é il tocco da maestro della maison Rossi, firma   che veste  con regalità la seduzione del corpo.

Correlati

Ultime da Letizia Mannocchi

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Cannes Classic 72. Moulin rouge, Toulouse Lautrec secondo John Huston

CANNES - E’ un film del 1953, da non confondere con l’omonimo girato nel 2001 dall’australiano  Baz Luhrmann.  E’ la vita di Toulouse-Lautrec, il pittore francese che una caduta da...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Greta Thunberg, non è impossibile coniugare economia ed ecologia

Greta Thunberg, qualità personali a parte, è l’esempio massimo della coscientizzazione che può sviluppare una buona istruzione, tale da renderla anche capace di comunicare un suo disagio che, non a...

Fabio Massimo Tombolini - avatar Fabio Massimo Tombolini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]