Domenica, 08 Febbraio 2015 19:15

Si ispira all'Oriente la nuova collezione Primavera-Estate di Raffaella Curiel

Scritto da

ROMA - Raffaella Curiel oltre  ad essere una grande stilista è una donna estremamente sensibile e di grande cultura che ama l'arte in tutte le sue forme  e ne fa il filo conduttore delle  sue sfilate. 

Una volta stabilito il tema della sfilata la Curiel va alla ricerca delle stoffe rielaborando antichi tessuti ristampati su sete, lini, broccati e chiffon, decorati con fili di seta d'oro, pietre colorate, cannette di vetro, perline, ambre e giade. I suoi abiti sono autentici capolavori, frutto di una grande professionalità.

Il leit motif della collezione Primavera-Estate 2015 sono i viaggi in Oriente, dalla Thailandia al Vietnam, dalle Filippine spingendosi fino a Sud, verso La Malesia, Giava, Sumatra.

“Ho voluto riportare in questa collezione a Roma tutte quelle emozionanti visioni dei miei viaggi immaginari e non, in quella parte straordinaria del mondo che spazia dalla Thailandia al vicino Vietnam, scendendo verso le Filippine e poi ancora in giù a sud, accarezzando la Malesia, Giava, Sumatra, ho rivissuto i colori delle aurore spruzzate di polvere d'oro, i tramonti di vivida vermiglia lacca, i teneri verdi delle coltivazioni di riso e quelli più cupi delle infinite estensioni di palme da olio, con ancora negli occhi le gamme dei grappoli di gracili orchidee arrampicate. Ovunque ho respirato i bruni della terracotta e delle ambre. Ho sognato il portamento regale delle donne, i loro sorrisi dolci e pavidi, ma soprattutto la loro eleganza innata e orgogliosa. Ho rivisitato i costumi di tutte quelle etnie così simili e così ampiamente diverse fra di loro, risultato di veritieri laboratori d'infinite primordiali culture, di tecniche antiche, di straordinaria creatività, di eccezionale altissimo artigianato. Gemme e preziosità rubate alla natura quali scague d'oro, conchiglie, coralli, madreperle, legni, vetri colorati con erbe, mescolati con tessuti stampati a mano e a cera, fibre estrapolate dalla canna di bambù e poi ancora sete impalpabili, broccati amalgamati a stoffe d'arte povera da vetusti telai. 

Portare l'arte a Roma è stata una sfida culturale: due mondi, due tradizioni profondamente affascinanti, opposti ma magicamente emozionanti."

Il risultato è una collezione di 47 abiti-gioiello, unici nella loro ricercatezza. 

Sfilano i curiellini, i celebri tailleur della stilista  tanto amati dalle sue clienti per la perfezione dei loro tagli. Hanno i colori dell'oriente, dal bianco avorio al giallo senape, dal rosa cupo all'ecru, dal verde smeraldo al turchese. Tessuti antichi ripresi dagli stampati dei batik,  uniscono righe e ramage, in bustier e gonne ricamate con pietre colorate o ristampate su  organze, sete e chiffon. 

Sfilano giacche  in patchwork di tessuti batik, sari e sarong, giacchine bellissime decorate con pietre vere, legni colorati, fibre di erbe, canne di bambù. Tailleur ricamati con fili di seta formare uno stampato di girasoli. Un esempio del grande artigianato è la giacca in broccato e cotone bianco e nero, con incontri geometrici di spigature che ha richiesto 400 ore di lavoro. E' abbinata ad una gonna di organza nera a corolla e al corpetto ricamato di cannette e perline di vetro. La sposa indossa un  lungo abito bianco e oro, ricamato con lacche avorio su disegno di un tatuaggio vero fatto sul corpo di un filippino. Sul capo un velo corto e una tiara d'oro indonesiana. I gioielli sono enormi: cinture con fibie-broche a forma di farfalla, collane dorate, grandi bracciali, orecchini-lanterna e sulle acconciature le  tipiche tiare d'oro di Giava e Sumatra.
L'abito Expo in seta stampata con l'immagine della Canestra di Frutta di Caravaggio ha chiuso la sfilata di Raffaella Curiel, sulle note di "Va' pensiero".

I gioielli sono stati realizzati da Marina Corazziari. Le scarpe, bellissime, con  decolleté a tre colori e con tacchi a rocchetto anni '50, sono state realizzate da Sgamo e Gigliola Curiel, figlia della stilista.

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Juno, l’elefante col cancro curato con l’elettrochemioterapia

Luigi Aurisicchio, presidente di Vitares, ci racconta un’esperienza veramente particolare. Nel 2017 ha partecipato a una spedizione scientifica in California, allo zoo di El Paso, con lo scopo di curare...

Erika Salvatori - avatar Erika Salvatori

A Bari nasce il CRM, Centro Regionale del mare, l’eccellenza dei nuovi laborator…

Lunedì 7 ottobre l’inaugurazione alla presenza delle cariche istituzionali della Regione e della Città  

BARI -  

 L’Arpa, Agenzia Regionale per la Prevenzione e la Protezione Ambientale di Bari, si pone...

Alessandro Ambrosin - avatar Alessandro Ambrosin

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]