Venerdì, 08 Gennaio 2016 18:36

Cose nostre. Giornalisti contro le mafie

Scritto da

ROMA - Inizia  il 9 gennaio alle 23.25 su Rai1 “Cose nostre”:  il primo dei cinque documentari che racconteranno la vita e l'attività, difficile e piena di insidie, dei giornalisti che con coraggio e professionalità raccontano  storie di mafie, malaffare, corruzione e poteri illegali. Le storie di cinque giornalisti minacciati dalle mafie. E attraverso i loro occhi, e il loro lavoro, uno sguardo inedito sull'Italia di oggi e di domani.

 “Cose nostre” racconterà alcune tra le più inquietanti e drammatiche storie del nostro Paese, svelerà gli affari della 'ndrangheta nel porto di Gioia Tauro e ricostruirà gli equilibri criminali nello storico quartiere Forcella di Napoli, racconterà il controllo del territorio di Cosa nostra nel Palermitano (da Partinico a Cinisi), svelerà le relazioni pericolose tra le mafie straniere e i terroristi islamici. Punterà i riflettori sui nuovi affari dei clan, dal gioco d'azzardo ai beni confiscati, e svelerà i tentativi di infiltrazione delle cosche nelle istituzioni. E racconterà anche storie di assassini e pentiti, omicidi di innocenti e stragi impunite.

 “Cose nostre” inoltre parlerà del rapporto sempre più difficile nel nostro Paese tra buon giornalismo e mafie. Un fenomeno molto preoccupante, di cui s'è occupata di recente anche la Commissione Parlamentare Antimafia con una relazione ad hoc: sono oltre 2000 (fonte Osservatorio Ossigeno per l'informazione) gli episodi di violenza, intimidazione e minaccia nei confronti dei giornalisti italiani, contati dal 2006 al 2014. Fatti che si uniscono agli otto giornalisti uccisi dai clan nella storia del nostro Paese .

 Automobili date alle fiamme, aggressioni, minacce, lettere intimidatorie, pallottole inviate per posta, incursioni dentro casa, querele temerarie. Sono questi i modi con cui le mafie tentano di condizionare la stampa italiana. Segno che per i clan il il consenso, il controllo del territorio e l'impunità passano anche dal silenzio imposto ai giornalisti. E sono molti i cronisti (della carta stampata, della televisione, del web) che, nonostante tutto, continuano nel loro lavoro prezioso di informare le cittadine e i cittadini.

 Nella prima puntata  "Cose nostre"  racconterà la storia del giornalista napoletano Arnaldo Capezzuto. Dai primi articoli per “La verità” e il lavoro di cronista di strada per il quotidiano Napolipiù, Epolis Napoli, all’esperienza come biogger del Fatto Quotidiano. Con i libri e le denunce contro la carnorra che gli sono costate minacce e intirnidazioni da parte dei clan. 

 “Cose nostre”, attraverso gli occhi di Capezzuto, rivolgerà lo sguardo sulla città di Napoli e le sue contraddizioni e accenderà una luce sulla camorra di ieri e di oggi. Dal regno del clan Giuliano a Forcella, nel cuore della città partenopea, all’omicidio di Annalisa Durante,  uccisa per un tragico errore il 27 marzo del 2004. Fino alla recente “paranza” dei ragazzi, la guerra tra i nuovi e giovanissimi boss che ha insanguinato negli ultimi mesi le strade della città.  Cose nostre è un programma di Emilia Brandi, Giovanna Ciorciolini, Tommaso Franchini, scritto con Danilo Chirico,Francesco Giulioli, Giovanna Serpico. La regia è di Andrea Doretti.

  

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

"Le parole ribelli" di Susi Ciolella. Recensione

Strofe precise che pesano come pietre ma che trasudano di grande umanità. Sono quelle di Susi Ciolella che esce con il suo secondo libro di poesie, dal titolo “Le parole ribelli”...

Sara De Leonardis - avatar Sara De Leonardis

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]