Venerdì, 06 Maggio 2016 13:27

Moda. Ecco come ti trasformo con Photoshop, anche in peggio. LE FOTO

Scritto da

ROMA - La recente "rivolta" nei confronti dei manipolatori che usano Photoshop non ha ancora toccato lo scempio che viene fatto dei corpi delle modelle (e dei modelli) nei servizi di moda e nelle pagine pubblicitarie.

Alcuni anni fa in un breve articolo avevo evidenziato come l'eccessiva e irraggiungibile perfezione delle modelle fosse, anziché stimolo per le lettrici, fonte di cruccio e disperazione. Oggi è stata superata anche la frontiera delle pelli assurdamente levigate e dei corpi esenti da pieghe di ogni genere (comprese quelle essenziali e impossibili da eliminare come nel collo o nelle dita).

Si fa di tutto per rendere più accattivante un prodotto, una sfumatura di colore, una piega dell'abito o un accessorio di moda... con photoshop primo sconcertante alleato. Sull'altare dell'impatto estetico immediato, dell'immagine da guardare velocemente perchè ciò che conta è il colpo d'occhio si sacrificano gomiti, anche, femori, polsi, colli... Le modelle non sono più meravigliose fanciulle ma mostri assemblati o malamente corretti.

Non ci vuole molto per capirlo: basta uno sguardo un po' più attento che vada oltre la patinata, accattivante e superficiale immagine d'insieme. Così come non ci vorrebbe molto per evitare disastri. Mi permetto di suggerire sommessamente ai photoshoppatori un veloce corso di anatomia.

 

Correlati

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077