Mercoledì, 18 Maggio 2016 19:17

Alitalia ecco le nuove divise. Dallo stile italiano al cattivo gusto

Scritto da

 

 

ROMA - Mettereste mai una scarpa bordeaux con le calze verdi o quelle rosse con le scarpe verdi?


Pare che questo accoppiamento piaccia molto agli arabi, visto che ormai della compagnia di bandiera di un tempo è rimasto ben poco. D’altra parte il salto di “qualità” era già nell’aria da molto tempo, da quando la vecchia compagnia di bandiera fu smembrata e con essa la cultura italiana e la professionalità che esprimeva. A dirla tutta, sempre sulle nuove uniformi, il taglio potrebbe pure passare. Ma resta il fatto che le divise di Armani, Balestra, sorelle Fontana, Mila Schon, solo per citarne alcune, rimangono un ricordo dallo stile sobrio ed elegante e soprattutto raffinato.

Non poteva mancare nella divisa degli arabi, la cosiddetta “parananza” alla Meo Patacca, o stile Fieramosca. Un dettaglio degno da fiaschetta dei Castelli Romani, che determina ancora di più l’idea del nuovo assistente di volo: sempre più cameriere servile, sempre meno complementare di bordo, addetto alle emergenze. Ma non è tutto.13051555_10210064845562711_5485373562301340308_n.jpg

Cappotto verde e divisa da Marriot Hotel per i maschietti, che nelle foto probabilmente ridono perchè non sanno ancora cosa stanno indossando. L’occhio cade anche sul guanto stile vileda, utile, forse per l’estrazione dei pasti caldi.  Un tocco di classe che non poteva mancare.  A questo punto il piatto è servito. 

 

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Feltrinelli.“Gli inganni di Pandora” di Eva Cantarella. Recensione

L’origine delle discriminazioni di genere nella Grecia antica.

Alessandra Rinaldi - avatar Alessandra Rinaldi

Sinergie nella «Silicon Valley italiana». A Roma un nuovo «polo aggregativo» tr…

La Formazione Professionale incontra il mondo scolastico,  imprenditoriale, ecclesiale, sindacale e politico

Greta Crea - avatar Greta Crea

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]