Lunedì, 12 Marzo 2012 17:02

Emmanuelle Béart: “ritoccarsi è un pasticcio”

Scritto da

PARIGI - L’attrice  francese Emmanuelle Béart - vincitrice di un César per “Manon des sources” nel 1986 e apparsa nuda sulla cover di “Elle” nel 2003 -  ha raccontato a “le Monde”  che il suo sexy broncio che da vent’anni fa impazzire gli uomini  è opera di un chirurgo plastico.

La Béart, oggi quarantottenne dice:  “Mi sono rifatta le labbra quando avevo 27 anni perché non mi piacevano, ma è stato un vero pasticcio. Del resto, quando una persona decide di rifarsi qualcosa è perché non riesce più a sopportare di vivere con quella parte del proprio corpo che ritiene un difetto e quindi o trova la forza di combattere il desiderio di ricorrere alla chirurgia plastica o si sottopone all’operazione.  Sottoporsi ad un intervento è una cosa seria  di cui però non si prevedono necessariamente tutte le conseguenze, perché è qualcosa che tocca profondamente la nostra anima. Ovviamente, se la mia bocca mi fosse piaciuta com’era, non me la sarei mai rifatta, ma oggi posso dire di essere contraria alla chirurgia estetica e la sola idea di ritornare sotto i ferri mi terrorizza, perché ho avuto un tale choc che anche fare delle iniezioni mi ucciderebbe”.


La famosa interprete del film Titanic, Kate Winslet,   insieme alle colleghe Emma Thompson e Rachel Weisz, ha fondato la lega antiritocchi per dire no al botox e invecchiare dolcemente.   Ancor prima si sono pentite di aver usato la chirurgia estetica Nicole Kidman (“ho fatto una cavolata”); Denise Richards (seno nuovo e troppo grande a 19 anni, ridotto tempo dopo); Nina Moric (“un errore di gioventù”); Tori Spelling, Courtney Love e pure Victoria Beckham, che si è fatta togliere le protesi esagerate dei tempi delle Spice Girls e ora su Vogue si professa “tutta naturale a parte le unghie”. Tra le italiane l’ultima «pentita» è Anna Tatangelo, che si aggiunge a Simona Ventura e Alba Parietti.  .

Correlati

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Cerca nel sito

300x300.jpg

Opinioni

Venezia 2019. Un libro su “I Cannibali”, un premio e un buon bicchiere di vino

Le donne del vino, UNIROMA3 e il Centro Studi di Psicologia dell'Arte e Psicoterapie Espressive per il Premio Gregorio Napoli 

Paola Dei -  Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI - avatar Paola Dei - Psicologo dell’Arte e Critico Cinematografico SNCCI

Venezia 76. Pre-apertura con Ecstasy e il primo nudo integrale

VENEZIA - Correva l’anno 1932, il cinema si stava affermando alla grande, le platee si allargavano a vista, ma non era tutto rose e fiori. Non mancavano i problemi: gli...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]