Mercoledì, 24 Gennaio 2018 19:59

Cucina Eliseo: il gusto di casa e l’eccellenza gourmet

Scritto da

Sguardo vivace e sorriso autentico, è così che Matteo Tasciotti accoglie i suoi clienti nella sua “Cucina Eliseo”: l’elegante ristorante incastonato dentro il Teatro Eliseo, tra l’angolo bar e l’elegante foyer, dotato di terrazza coperta e affaccio su via Nazionale

Una vera e propria soddisfazione aver lanciato lo spazio nel settembre 2016 e vederlo già annoverato nella guida Gugsto Fine Dining Rome, riuscendo, dal brunch alla late dinner, a soddisfare i palati più eterogenei: celiaci, vegani, vegetariani e non, senza rinunciare alla tradizione e al sapore. E il merito non è solo di Tasciotti, gestore e chef insieme  all’executive Lorenzo Buonomini ma di tutto il team di Magnolia Eventi, una realtà di catering che da dieci anni è attiva sul territorio laziale e capitolino raggiungendo un largo consenso. “Erano anni che cercavamo una location adatta su Roma, insieme agli amici e soci di Magnolia: l’ AD Filippo Buonomini, l’Art Director Andrea Notarberardino, L’HR Simone Torri, sino ad approdare qui all’Eliseo dove abbiamo restituito una cifra distintiva sulle note del rosso e del nero a un ambiente classico”. 

Una nuova sfida iniziata un anno e mezzo fa per il manager e chef Matteo Tasciotti, per anni diviso tra l’organizzazione eventi con la sua società Emozione Esponenziale e la sua passione per la cucina e la chirurgia d’urgenza. Ha, infatti, un passato di studi accademici in medicina, facoltà frequentata per oltre tre anni sia presso il Policlinico Umberto I che al Polo Pontino, dove ha potuto eseguire i primi interventi chirurgici; un percorso formativo intervallato dalla sua passione per gli eventi – relegati nei mesi estivi dell’anno – a quella per la cucina. “Per me – racconta – cucinare è come operare, ho bisogno di uno spazio sterile, ordinato e una ferrea disciplina per sperimentare con metodo: le cucine dei grandi chef stellati assomigliano a una sala operatoria”. _G9B8844.jpeg

Ed è proprio dall’’incontro della passione per la ristorazione con la gestione eventi che è nato il sodalizio commerciale con “Magnolia Eventi” culminato in una vera e propria partnership sino a diventare parte della “famiglia allargata”. E insieme allo chef executive Lorenzo Buonomini è artefice del successo e del rilancio del ristorante dell’Eliseo diventato in meno di due anni un punto di riferimento per i palati sopraffini della Capitale, definito dalla guida web Gugsto Fine Dining Rome: “una buona cucina di una volta, curata più che urlata”.

Un successo da condividere con lo staff di servizio e col direttore di sala Andrea Notarberardino, che oltre a curare lo stile dello spazio è attento a soddisfare ogni curiosità e richiesta del cliente. Ed è indiscusso che tra i motivi del successo del ristorante ci sia la predilezione per materie prime d’eccellenza, stagionali e a chilometro zero, legate al territorio laziale e alla conoscenza diretta con i produttori. 

La più richiesta tra le prelibatezze in menu è la tartare di manzo: una dadolata di carne maremmana tagliata al coltello, tenera e compatta, aromatizzata con sale e pepe secondo ricetta classica; il valore aggiunto di questo piatto è l'evidente qualità della carne biologica con intatte tutte le proprietà organolettiche, senza antibiotici e ormoni aggiunti: un prodotto dell’azienda agricola Morani che dispone di un piccolo allevamento presso Santa Severa, sul litorale laziale.

 Tanti anche i primi espressi – per lo più fatti a mano dallo chef - come i molteplici tipi di ravioli e cappelletti ripieni e i richiestissimi tagliolini al pesce spada, zucca e noci; interessanti anche le proposte per i vegetariani e i celiaci, presenti soprattutto nel menu pranzo, come il baccalà in tempura (panato con farina di riso) su crema di semi di zucca e altre ricette a base di cereali nobili e verdure fresche; un must è anche il maiale, sempre di allevamento biologico laziale, servito come “pulled pork” cotto a basse temperatura, sfilacciato e aromatizzato per veri e propri gourmet. CHEF Lorenzo Buonomini .jpeg

Una rivisitazione del menu classico romano arricchito con nuovi accostamenti e impreziosito dalla bontà delle materie prime e dall’abilità di mani capaci di trasformare questi prodotti in eccellenze. 

Anche nei dessert prediligono la ricercatezza nella semplicità; richiestissima è la sacher Stout: una deliziosa torta di cioccolato fondente compatta arricchita dal contrasto tra il sapore deciso della birra scura artigianale (Birrificio artigianale Del Borgo) e la marmellata artigianale di carciofi.

Anche la cantina si accorda alla filosofia del chilometro zero e sulla carta dei vini sono annoverate per lo più etichette del Lazio, dove Masciotti può verificarne personalmente la genuinità e i processi produttivi e le piccole eccellenze regionali italiane di nicchia. Tra di loro si annovera la variegata produzione di Damiano Ciolli, viticoltore laziale distribuito anche oltre i confini nazionali, con il suo “Silene”: un cesanese superiore di Olevano Romano DOC, deciso e tannico adatto a una cucina strutturata.

E solo qui a Cucina Eliseo si può trovare il perfetto connubio tra cucina casalinga e ricercatezza, tra eccellenza delle materie prime e amore per i sapori tradizionali italiani.

Correlati

Cerca nel sito

300x300-picasso.gif

300x300haring.gif

LAB.jpg

ITC.jpg

SIAMO.jpg

Opinioni

La pandemia crea meta-arte

La pandemia crea meta-arte

L’ 8 settembre 1981, una tra le voci più singolari dell’arte italiana contemporanea, Mari Lai (1919-2013) realizzò, per il Comune di Ulassai, un monumento ai caduti.  In realtà, l’artista decise...

Giulia Maria Wilkins - avatar Giulia Maria Wilkins

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Coronavirus, prove tecniche di estinzione?

Più volte, nel corso della storia, l’umanità ha temuto per la propria sopravvivenza. Il grido “E’ la fine del mondo” è risuonato ogni volta che eventi inspiegabili hanno sorpreso i...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011
Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077
per info scrivi a: [email protected]