Lunedì, 28 Maggio 2018 12:08

Dieta mediterranea minacciata dai cambiamenti climatici e culturali

Scritto da

L’ultimo studio scientifico ha evidenziato l’effetto protettivo della dieta mediterranea nei confronti del tumore al pancreas e abbondano le ricerche che dimostrano l’azione protettiva nei confronti di ictus e infarti.  

Nonostante ciò, la dieta mediterranea, dichiarata dall’Unesco Patrimonio dell’umanità, rischia di essere dimenticata: pane, pasta, olio d’oliva, frutta e verdura, legumi, pesce, cedono il passo al cibo spazzatura, alle bibite zuccherate, alla carne, ai formaggi. Succede soprattutto tra i giovani e in Italia, Patria della dieta mediterranea, l’obesità colpisce oltre 6 milioni di persone, il 10% della popolazione.

Il dottor Keys, oltre 50 anni fa, aveva scoperto che pane, pasta, verdure, olio d’oliva, pesce erano i nostri alimenti medicina: ci hanno allungato la vita e ci hanno permesso di tenerci in linea. Ora non è più così e la dieta mediterranea è sotto assedio. 

La dieta mediterranea è minacciata da due grandi cambiamenti: quello climatico e quello culturale. Il primo negli ultimi anni ha reso la terra meno fertile e fatto sì che calasse la produzione di olive (e quindi del prezioso olio extravergine) e di pomodori. E poi c’è il cambiamento culturale, che ci avvicina sempre di più ai cibi pronti, ricchi di grassi e sale, al fast food, alle bibite gassate. 

Correlati

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Opinioni

La “bella guagliona” di Bolzano che merita “Otto e mezzo”

La Sette è riconosciuta come il terzo polo televisivo italiano nel campo generalista. Il successo che le sta arridendo non è dovuto a programmi di facile ascolto e di resa...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

C’è un’alternativa nel trattamento dei rifiuti di cui non parla nessuno

Si tratta della la gassificazione al plasma, ovvero “del plasma o assistita dal plasma”, che può essere utilizzata per convertire materiali contenenti carbonio in gas di sintesi per generare energia...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077