Taste of excellence
Sam Stoner

Sam Stoner

Scrittore

ROMA - Richard Gere è l’antidivo. In pubblico è lontanissimo da qualsiasi eccesso, vezzo ed esternazione bizzarra. Lo abbiamo incontrato dopo la proiezione de “L’incredibile vita di Norman” nella sala del cinema Quattro Fontane a Roma.

ROMA - Norman è un film anomalo. Non è fantastico, né una favola. Si potrebbe considerare una parabola biblica moderna e attuale. Ci sono diversi livelli di lettura. Il primo, più immediato, si trova nella piacevolezza della narrazione e nelle scene comiche perfettamente costruite, merito del grande lavoro di Gere sul personaggio. Perché scene comiche? Perché Norman è un buono, un bambino che cerca di comportarsi da adulto seguendo percorsi ingenui in un mondo, quello della politica e degli affari, popolato da squali. Norman crea storie, ha una fantasia sconfinata cui finisce per credere anche lui.

ROMA - L’ardita sperimentazione al Teatro Marconi con l’allestimento de “I volti di Faust” un progetto originale tratto dalle opere di  Spies, Marlowe e Goethe, ha  alcuni punti deboli: troppo lunga l’introduzione durante la quale si sono lasciati all’aperto in piedi gli spettatori, tra cui molti anziani che verso la fine  “caracollavano”.

ROMA - Si può innovare la tradizione?  Adattare ai nostri giorni un classico sfidando quanto  considerato sacro e intoccabile? La risposta è sì, ma ovviamente serve talento con una buona dose d’ incoscienza.

ROMA - Anna (Valeria Monetti) e Marco (Alessando Tirocchi) convivono da anni con grandi sacrifici, svolgendo lavori precari che portano stipendi ridotti all’osso. Nonostante questo, scelgono comunque di sposarsi, ma ecco che cominciano i problemi. Uno su tutti: quanto costa un matrimonio? Soprattutto con una famiglia numerosa come la loro. Poi arriva l’idea: eliminare tutti i parenti per evitare di doverli invitare.  Riusciranno nell’impresa? Pochi soldi e troppi parenti sono gli elementi base di questa commedia cinica, irriverente e piena d’amore.  

ROMA - Il Globe continua a far sognare. Le invenzioni sceniche si succedono come le ore del giorno, regalando ombre, colori suggestioni sempre diverse. Esiste forse una magia del Globe capace di ispirare chi ha la fortuna di calpestare il suo palcoscenico? Forse sì. Mai visto un Daniele Pecci tanto ispirato e al contempo naturale, passionale, travolgente. Il tempo culla i talenti ma qui si va oltre.

ROMA - Il Globe continua a far sognare. Le invenzioni sceniche si succedono come le ore del giorno, regalando ombre, colori suggestioni sempre diverse. Esiste forse una magia del Globe capace di ispirare chi ha la fortuna di calpestare il suo palcoscenico? Forse sì. Mai visto un Daniele Pecci tanto ispirato e al contempo naturale, passionale, travolgente. Il tempo culla i talenti ma qui si va oltre.

ROMA - Presso il Teatro Argentina a Roma si è svolta la presentazione terza edizione del Premio Cendic, dedicato alla drammaturgia italiana contemporanea.

Criminali da generazioni, i Cutler abitano in roulotte nella verde campagna del Gloucestershire, ricca contea nel sud-ovest della Gran Bretagna. Non riconoscono nessuna legge e vivono di rapine, corse d’auto e inseguimenti con la polizia.

Il lungometraggio Sognare è Vivere di e con Natalie Portman presenta un incipit piuttosto fiabesco, che si rivela allo spettatore attraverso i sogni e le parole perfettamente resi sullo schermo da una regia particolarmente ispirata.

Pagina 1 di 12

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Camilleri e Simenon, a tavola e con le donne Montalbano rincorre Maigret

Più d’una volta, nei racconti di Andrea Camilleri, di cui è protagonista il commissario Salvo Montalbano, ricorre la citazione: “Prese un romanzo di Simenon e cominciò a leggere”. Oppure: “Fece...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Nell’Italia che non legge, dilaga la “ringraziamentite”.

Gli scrittori di oggi hanno copiato dai titoli di coda dei film di ieri il vezzo di ringraziare tutti quelli che hanno collaborato alla fattura del film, fino all’ultimo elettricista...

Sandro Marucci - avatar Sandro Marucci

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 393 5048930 Società editrice ARTNEWS srl, via dei Pastini 114, 00186 Roma P.IVA e C.F. 12082801007 tel 06.83800205 - fax 06.83800208