Lunedì, 28 Agosto 2017 12:01

Vecchi diari

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

I quaderni neri

delle mie giornate buie.

Custodi di emozioni

di brucianti ferite.

Prigioni di arnie

dove bionde api

volano spargendo

un nettare dolce

per lenire gli strazi.

Segreti fogli

che nascondono colpe

e mappe traccianti

percorsi fino alle perenni

fonti di acque fresche

che spengono la sete.

Quaderno, diario

è come un albero

senza rami, pieno

di foglie secche

per ricordare.

I rami sono morti…

così le ultime pagine

stropicciate del diario 

dove si legge la parola fine.

Correva l’anno… della gioventù!

Mirella Narducci

Correlati

In questa categoria: « Roma mia Chi è il poeta? »

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

Cerca nel sito

300X300.jpg

Opinioni

Non solo coaching: da dove nascono le nostre scelte?

Come scegliamo? Una domanda semplice, ma la risposta come sarà? Altrettanto semplice?

Caterina Carbonardi - avatar Caterina Carbonardi

La pensione statale forse è moribonda ed anche la regola del 4 per cento non sta…

La previdenza pubblica, la pensione statale, il celebre primo pilastro della previdenza individuale, minaccia sempre più di crollare, non tanto per un fallimento del nostro Paese quanto per la spinta...

Amerigo Rivieccio - avatar Amerigo Rivieccio

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077