Giovedì, 28 Settembre 2017 21:30

Il caffé

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Due tazze

caffè fumante.

Aroma disperso

nella cucina...

I miei occhi 

ti cercavano

tra un sorso e l'altro.

Dalla finestra 

un velo di nebbia

sfumava i contorni

di ogni cosa...

Pregiudicando la bellezza

del mattino.

Eri distratto da un fumo

che macchiava il cielo

copriva la città 

e i tuoi pensieri.

Nero e bollente il caffè

doveva stracciare

le garze della nebbia.

Senza illusioni sapevamo

che il fuoco della gioventù

si era spento per sempre

ma ci amavamo teneramente

come il primo giorno.

L'amore diventato più grande

non si nutriva più di perfezioni

reali o immaginate.

Veri... dove nessuno 

è obbligato ad amare nessuno.

Il caffè forte e amaro

ci portava oltre l'esteriorità

della facciata dell'anima

nel suo interno a scoprire

ancora cocenti impulsi.

Mirella   Narducci

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

Opinioni

Dopo un 2016 deludente, il 2017 restituisce un quadro incoraggiante per l’indust…

La ripresa si è finalmente fatta strada e l’Italia – terzo produttore europeo – cresce ad un buon ritmo (+2,6% stimato per la chiusura dell’anno).  Il miglioramento emerge su più...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

La chimica che respiri e il rischio cancerogeno

L’atmosfera urbana è caratterizzata dalla presenza di un insieme vasto ed eterogeneo, da un punto di vista chimico-fisico, di particelle aerodisperse di dimensioni comprese tra 0,005 e 100 μm, costituite...

Luigi Campanella - avatar Luigi Campanella

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077