Martedì, 04 Dicembre 2018 10:19

Inafferabile (30 giugno 1985)

Scritto da
Rate this item
(0 votes)

Mia madre era una donna particolare
a volte
la sentivo
Inafferrabile
spesso
la sentivo
distante
immersa nei suoi pensieri piu' profondi
erano luoghi privati del suo essere
dove a nessuno
era permesso entrare

Tante volte
il suo comportamento
Mi aveva fatto sentire
Sola
e arrabbiata
ma l'amavo lo stesso
di quell'amore assoluto
Che solo un figlio e' capace di provare

Avevo smesso di amarla quando era morta
Come se fosse possibile smettere di amare?

Avevo cessato di aver bisogno
di entrare
Dentro i suoi pensieri
la notte in cui
L'avevo vista
appoggiata nel tavolo dell'obitorio
Aveva un viso sereno
come una madonna
Avevo pensato
Che non avrei piu' dovuto
Rincorrerla
Era li
Davanti a me
Cosi l' avevo
Stretta al petto
Come fossi sua madre
E lei una piccola figlia
Addormentata
Avevo passato
ore
Davanti al suo corpo
Avrei voluto
afferrarla
Per sempre

Correlati

Leave a comment

Make sure you enter all the required information, indicated by an asterisk (*). HTML code is not allowed.

labo.jpg

Cerca nel sito

IMG_4883.jpg

Opinioni

Musica. Guida utile per diventare ascoltatori professionisti

Partecipando al fenomeno delle reti umane è inevitabile trovarsi spesso legati a certi nodi voluti con forza dalla condivisione. L’abbraccio emotivo con gli individui sparsi per il mondo è indubbiamente...

Paolo De Matthaeis - avatar Paolo De Matthaeis

Il giro dell'oca di Erri De Luca: dialogo con il figlio mai nato

La scrittura di Erri De Luca è da sempre impregnata di vita vissuta, di immagini, di profumi e ricordi; è una tessitura fortemente autobiografica che diviene, in alcuni casi, solco...

Letizia Ghidini - avatar Letizia Ghidini

Testata giornalistica registrata presso il Tribunale di Velletri n. 1/2011 del 27/01/2011 Direttore responsabile Alessandro Ambrosin Redazione +39 338 4911077